Antares (lanciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antares
Antares in rullaggio alla Wallops Flight Facility della NASA
Antares in rullaggio alla Wallops Flight Facility della NASA
Informazioni
Funzione Vettore di lancio orbitale medio non riutilizzabile
Produttore Orbital Sciences Corporation
Nazione di origine Stati Uniti Stati Uniti
Dimensioni
Altezza 40.5 m[1]
Diametro 3.9 m[2]
Massa ~240,000 kg[1]
Stadi 2 (3 opzionale)[2]
Capacità
Carico utile verso LEO 5,000 kg[2]
Cronologia dei lanci
Stato in sviluppo
Basi di lancio Pad 0A, Mid-Atlantic Regional Spaceport (MARS)
Volo inaugurale programmato per dicembre 2012
Primo stadio
Propulsori
Spinta
Tempo di accensione
Propellente

Antares è un razzo vettore sviluppato da parte della Orbital Sciences Corporation. Nelle prime fasi di sviluppo era conosciuto con il nome di Taurus II.

Orbital Sciences Corporation intende usare questo lanciatore come vettore per il veicolo spaziale Cygnus, anche nell'ambito dei contratti Commercial Resupply Services con la NASA per il rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale. Infatti nel 2008 Orbital ha vinto, come la Space Exploration Technologies Corporation, il contratto Commercial Orbital Transportation Services, per dimostrazioni di trasporto cargo alla ISS.

Sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Il contratto NASA Commercial Orbital Transportation Services è stato di 171 milioni di dollari. Orbital Sciences stima di investire ulteriori 150 milioni di dollari suddivisi in 130 milioni per il booster ed 20 milioni per la navicella.[3] All'aprile 2012 , i costi di sviluppo sono stimati in 472 milioni di dollari.[4]. La piattaforma di lancio 0A (LP-0A), già impiegata per il lancio, fallito, del razzo Conestoga, sarà modificata per gestire gli Antares.

Il 10 giugno 2008 è stato annunciato che il Mid-Atlantic Regional Spaceport, già parte della Wallops Flight Facility in Virginia, sarebbe stato il sito di lancio principale per il vettore Antares.[5][6] Un lancio da Wallops permetterebbe di raggiungere l'orbita della ISS con la stessa efficienza di un lancio da Cape Canaveral (Florida) ma in maniera più spedita.[3][7] Il primo volo dell'Antares lancerà un simulacro con la stessa massa del Cygnus.[8]

Il 10 dicembre 2009 la Alliant Techsystems Inc. ha provato il suo motore Castor 30 da impiegare per il secondo stadio del razzo Antares.[9] Nel Marzo 2010 Orbital Sciences e Aerojet hanno completato i test dei motori NK-33.[10] Il 22 febbraio 2013 è stato effettuato test di accensione, il primo stadio è stato eretto sulla base di lancio e mantenuto bloccato a terra durante i 29 secondi di accensione dei motori.[8]

Progettazione[modifica | modifica sorgente]

Il primo stadio usa RP-1 (kerosene) e ossigeno liquido (LOX) come propellente, alimentando due motori derivati dal NK-33 (venduto da Aerojet con l'identificativo AJ-26). Parti del lavoro del primo stadio dell'Antares è stato affidato alla Yuzhnoye SDO (Ucraina), azienda con maggior esperienza su stadi a propellente liquido e LOX e produttrice della famiglia di razzi Zenit. Le parte principale della fornitura di Yuzhnoye include i serbatoi del propellente, i serbatoi pressurizzati, valvole, sensore, linee di alimentazione, tubature, cablaggi e l'hardware associato.[11]. Come lo Zenith, l'Antares avrà un diametro di 3.90 m. Una carena dello stesso diametro proteggerà il payload (carico trasportato).[2]

Il secondo stadio, Castor 30, è a propellente solido ed è prodotto dalla ATK come derivato dello stadio Castor 120, con un spinta media di 293.4 kilonewton (395.7 kilonewtons di massima) ed usa un sistema elettromeccanico per il controllo della spinta direzionale.[12]

I primi due voli (Antares 110) useranno stadi Castor 30, mentre i due voli successivi (Antares 120) useranno la versione avanzata Castor 30B. Lo stadio Castor 30XL (più lungo dei predecessori) verrà usato nei voli successivi.[12][13][14]

I terzi stadi opzionali previsti sono il "Bi-Propellant Third Stage" (BTS) e un modello basato su ATK Star 48. Il BTS è derivato dal GEOStar spacecraft bus della Orbital Science e usa tetraossido di azoto e idrazina come propellente. È progettato per portare payloads sulle loro orbite finali.[2] Lo stadio basato sullo Star-48 usa un motore a stato solido Star 48BV e verrà usato per raggiungere orbite che richiedono più alta energia.[2]

Lanci programmati[modifica | modifica sorgente]

Il primo lancio di Antares è avvenuto con successo il 21 aprile 2013,[15] e la missione dimostrativa del programma COTS è prevista per giugno 2013[16].

Segue la lista delle missioni programmate, limitata alle sole nel prossimo futuro (non sono incluse tutte quelle posteriori al 2014, pur essendo pianificate). Il primo numero nella colonna "Versione" si riferisce al primo stadio, che sarà sempre uno. Il secondo numero riguarda il secondo stadio: 1 per il Castor 30A, 2 per Castor 30B, e 3 per Castor 30XL. Il terzo numero per il terzo stadio: 0 quando non viene usato nessun terzo stadio, 1 per BTS e 2 per lo stadio basato su Star 48.[13]

# Nome missione Versione Data Note
1 Antares Test Flight 110 21 aprile 2013[17] Primo volo di Antares
2 CRS Orb-D1 110 Giugno 2013[18][16] Primo volo di Cygnus
3 CRS Orb-1 120 2013[18] Prima missione CRS (con Cygnus), primo lancio di Antares con stadio superiore Castor 30B[13]
4 CRS Orb-2 120 2013[13]
5 CRS Orb-3 130 2013[13] Primo lancio di Antares con stadio superiore Castor 30XL[13]
6 CRS Orb-4 130 Inizio 2014[13] Prima missione con un'altra versione di Cygnus[13]

Lanci effettuati[modifica | modifica sorgente]

Antares A-ONE[modifica | modifica sorgente]

Antares A-ONE è stato il volo inaugurale di Antares. Il lancio è avvenuto il 17 aprile 2013 dal Pad 0A del Mid-Atlantic Regional Spaceport, sulla Wallops Island, Virginia.[19]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Ed Kyle, Taurus 2, Space Launch Report, 14 maggio 2011.
  2. ^ a b c d e f Antares Fact Sheet (PDF), Orbital Sciences Corporation, dicembre 2011.
  3. ^ a b B. Bergen, Space News, February 25, 2008, p. 12
  4. ^ flightglobal.com, Orbital Sciences development costs increase, 30 aprile 2012.
  5. ^ Commonwealth of Virginia, Governor Kaine announces 125 new jobs for Virginia, 9 giugno 2008.
  6. ^ Jack Kennedy, Taurus-2 Launch Pad to be Ready in 18-Months at Wallops Island Spaceport, Spaceports.
  7. ^ Jon W. Glass, Wallops up for big role with firm's NASA contract in The Virginian-Pilot, 20 febbraio 2008.
  8. ^ a b Hot fire success for Orbital’s Antares, NASASpaceFlight (not affliated with NASA), 22 febbraio 2013. URL consultato il 23 febbraio 2013.
  9. ^ Orbital Sciences Successfully Tests Second Stage Rocket Motor, Orbital, 10 dicembre 2009.
  10. ^ Stephen Clark, Aerojet confirms Russian engine is ready for duty, Spaceflight Now, 15 marzo 2010. URL consultato il 18 marzo 2010 (archiviato il 22 marzo 2010).
  11. ^ Antares User’s Guide, Rev. 1.2 (PDF), Orbital, dicembre 2009.
  12. ^ a b Antares Medium-class Launch Vehicle – brochure (PDF) in G006_08j, Orbital Sciences Corporation, 2011-12. URL consultato il 19 dicembre 2012.
  13. ^ a b c d e f g h (EN) Chris cognome, Space industry giants Orbital upbeat ahead of Antares debut, NasaSpaceflight (not affiliated with NASA), 22 febbraio 2010. URL consultato il 29 marzo 2012.
  14. ^ Chris Bergin, CASTOR 30XL prepares for static fire ahead of providing Antares boost in NASAspaceflight.com, 5 marzo 2013. URL consultato il 7 marzo 2013.
  15. ^ (EN) Spaceflight Now - Tracking Station - Worldwide launch schedule, Spaceflight Now. URL consultato il 18 marzo 2013.
  16. ^ a b Peter B. de Selding, Orbital Sciences’ Cygnus Capsule Debut Pushed to March or April, SpaceNews. URL consultato il 23 ottobre 2012.
  17. ^ Spaceflight Now - Tracking Station - Worldwide launch schedule, 2 novembre 2012. URL consultato il 20121207.
  18. ^ a b Antares home page, Orbital Sciences, luglio 2012. URL consultato il 19 luglio 2012.
  19. ^ (EN) NASA Partner Orbital Sciences Test Launches Antares Rocket, NASA. URL consultato il 7 maggio 2013.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

astronautica Portale Astronautica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronautica