Adalia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Antalya)
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Adalia (disambigua).
Adalia
comune metropolitano
Antalya

Antalya city.jpg

Localizzazione
Stato Turchia Turchia
Regione Mar Mediterraneo
Provincia Adalia
Distretto Non presente
Territorio
Coordinate 36°54′N 30°41′E / 36.9°N 30.683333°E36.9; 30.683333 (Adalia)Coordinate: 36°54′N 30°41′E / 36.9°N 30.683333°E36.9; 30.683333 (Adalia)
Altitudine 30 m s.l.m.
Abitanti 1 001 318 (2010)
Altre informazioni
Fuso orario UTC+2
Cartografia
Mappa di localizzazione: Turchia
Adalia
Adalia – Mappa
Sito istituzionale

Adalia[1] (in turco Antalya, in greco Αττάλεια, Attália[2] o anche Sattalia[3]) è una città della Turchia, capoluogo della provincia omonima, situata sul golfo di Adalia[4] alle pendici dei monti del Tauro occidentale.

La popolazione della città è di circa un milione di abitanti. Situata su una scogliera piuttosto ripida, Adalia è una città pittoresca circondata dalle montagne, dalle foreste, dal mar Mediterraneo e da molte rovine risalenti ai tempi degli antichi greci. Ospita un noto museo archeologico. Gli sviluppi nel settore di turismo, cominciati negli anni settanta, hanno trasformato la città in un centro molto visitato e noto, quindi è chiamata "capitale del turismo turco", oltre ad essere diventata un riferimento nell'automobilismo turco, dopo essersi aggiudicata un posto nel prestigioso Campionato del mondo rally, che ha portato alla ribalta mondiale la città.

Amministrativamente Adalia costituisce uno dei comuni metropolitani della Turchia formato dai centri urbani di 5 distretti: Aksu, Döşemealtı, Kepez, Konyaaltı, Muratpaşa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi insediamenti in questa zona risalgono al Paleolitico, ma secondo altre fonti la città fu abitata per la prima volta nel Neolitico. Questi insediamenti furono importanti durante la dominazione Ittita e crebbero molto anche durante la guerra di Troia. Dopo le dominazioni persiana e seleucide la zona divenne parte del regno di Pergamo, ed il re Attalos III fondò ufficialmente la città di Attalia. Nel 133 a.C. fu conquistata dai Romani. Durante la dominazione bizantina, si sa che Adalia conobbe un'età dorata fino al VII secolo, quando fu vittima di incursioni saracene. Dopo la battaglia di Manzikert fu occupata dal Sultanato di Iconio, ma i Bizantini la rioccuparono sotto Manuele II. Dopo la quarta crociata fu rioccupata dai Selgiuchidi, e poi passò sotto la dominazione ottomana. Fra il 1900 e il 1925 la quasi totalità della popolazione greca che la abitava fu sterminata, oppure fuggì.

Occupata dalle truppe italiane sul finire della Prima guerra mondiale (stando al Patto di Londra l'area sarebbe dovuta finire sotto l'influenza italiana), la città venne evacuata dagli italiani in seguito alla fondazione della Repubblica Turca nel 1923.[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo archeologico di Adalia vanta una vasta collezione di sculture, mosaici di Seleucia, sarcofagi e monete. Offre una panoramica della storia della Panfilia, dal neolitico fino all'età del bronzo e al periodo greco e romano. Si possono ammirare statue di divinità, principalmente provenienti da Perge e dalla Galleria degli imperatori romani.

Da segnalare anche la Porta di Adriano e il Minareto Scanalato oltre le tortuose strade acciottolate della città vecchia, dove potremo ammirare l'interpretazione locale dell'architettura ottomana.

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Autobus ad Adalia.

L'aeroporto di Adalia (codice IATA: AYT) si trova ia 14 km dalla città. Attualmente[quando?] all'aeroporto ci sono due terminal passeggeri: Terminal 1 include il settore internazionale, il settore VIP, il settore nazionale, Terminal 2 serve solo i voli internazionali. Lo scalo dispone di tre piste attive ed è collegato con i voli di linea e charter delle compagnie aeree nazionali e straniere con numerose destinazioni in tutto il mondo. Nel 2008 lo scalo turco ha visto transitare il massimo numero di passeggeri della sua storia, circa 19 milioni di persone. Numerosi autonoleggi, servizi medici, la polizia di forntiera, la dogana, le poste e gli ambulatori medici si trovano nei terminal.[6]

Persone legate ad Adalia[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

La squadra principale della città è l'Antalyaspor Kulübü.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atlante Geografico d'Europa - Touring Club, 2007, p.54; cfr. Grafia italiana corretta come da Dizionario italiano d'ortografia e di pronunzia; cfr. Toponimo storico "Attalia"; cfr. Cfr. "Adalia" e "Sattalia" nella voce Regno di Cipro dell'enciclopedia Treccani.
  2. ^ Toponimo storico "Attalia"
  3. ^ Cfr. "Adalia" e "Sattalia" nella voce Regno di Cipro dell'enciclopedia Treccani.
  4. ^ Cfr. sull'enciclopedia Treccani
  5. ^ Giovanni Cecini, Il Corpo di Spedizione italiano in Anatolia (1919-1922), Ufficio Storico Stato Maggiore dell’Esercito, Roma 2010.
  6. ^ Aeroporto di Adalia (codice IATA: AYT)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Turchia Portale Turchia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Turchia