Anselmo V Pusterla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anselmo V Pusterla
arcivescovo della Chiesa cattolica
ArchbishopPallium PioM.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Milano
Nato XI secolo, Milano
Deceduto 14 agosto 1136, Roma

Anselmo V, detto anche Anselmo della Pusterla (Milano, XI secoloRoma, 14 agosto 1136), è stato un arcivescovo cattolico italiano. Fu arcivescovo di Milano dal 30 giugno 1126 alla sua deposizione, nei primi mesi del 1135.

Come molti giovani milanesi di buona famiglia del suo tempo, egli compì i propri studi in Francia. Egli studiò a Parigi ed a Tours nel 1107 e quindi sotto la guida di Anselmo di Laon a Laon nel 1109.

Come arcivescovo, Anselmo si oppose al papa in favore della politica imperialista che preservò i tradizionali diritti della diocesi ambrosiana. Questo lo rese inviso alla cittadinanza che era opposta all'imperatore, e si originò un profondo scisma nella Chiesa milanese. Anselmo venne deposto nel 1135 (alcune fonti riportano il 1133) e venne portato a Roma in prigionia, dove morì e dove venne sepolto, nel Laterano.

Alla sua morte gli succedette il legato pontificio Benedetto, con l'intento di essere eletto arcivescovo, ma morì in quello stesso 1135 e non poté aspirare nemmeno alla sede episcopale, che venne occupata dall'arcivescovo Robaldo.

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • Landolfo Iuniore di San Paolo. Historia Mediolanensis.
  • Ghisalberti, Alberto M. Dizionario Biografico degli Italiani: III Ammirato – Arcoleo. Roma, 1961.
Predecessore Arcivescovo di Milano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Olrico 1126-1133 Robaldo