Anselmo Bassani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anselmo Bassani (Villaverla, 24 agosto 1856Venezia, 6 agosto 1911) è stato un matematico italiano.

Nel 1887 ebbe la nomina a come professore presso l'Accademia Navale di Livorno, dove rimase fino al 1901, anno in cui fu trasferito a Venezia alla Scuola Macchinisti della Marina.

Fu coautore di numerosi testi usati in Accademia e fuori: con il collega Ronca scrisse libri di analisi e di geometria applicata alla balistica.

Fu anche fra i fondatori di una delle prime associazioni di matematici in Italia, la Mathesis, all'interno della quale fu - in una polemica iniziata nel 1891 - fra i pochissimi ad essere schierato fra i fusionisti, ovvero fra coloro che propugnavano l'organizzazione e il coordinamento nell'insegnamento della matematica rispetto ad altre discipline (principalmente, in quegli stessi anni la cristallografia e la fisica) e ciò al fine di ottimizzare l'apprendimento delle teorie di equivalenza.

Bassani scrisse con Giulio Lazzeri il primo libro fusionista: Elementi di geometria che fu al centro sia di polemiche sia di riconoscimenti anche a livello internazionale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]