Another Time, Another Place - Una storia d'amore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Another Time, Another Place - Una storia d'amore
Titolo originale Another Time, Another Place
Paese di produzione Gran Bretagna
Anno 1983
Durata 101 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Michael Radford
Soggetto Jessie Kesson
Sceneggiatura Michael Radford
Fotografia Roger Deakins
Montaggio Tom Priestley
Musiche John McLeod
Scenografia Hayden Pearce
Interpreti e personaggi
Premi

BAFTA al miglior esordio di un regista, sceneggiatore o produttore britannico

Another Time, Another Place - Una storia d'amore (Another Time, Another Place) è un film del 1983, diretto dal regista Michael Radford.

Nasce come film TV (è stato prodotto e pensato per la televisione), ma successivamente, visto l'ottimo riscontro, è stato proiettato anche nelle sale cinematografiche.

Il regista e sceneggiatore inglese con quest'opera si è aggiudicato il premio BAFTA al miglior esordio di un regista, sceneggiatore o produttore britannico mentre Phyllis Logan è stata nominata come migliore attrice.

Fu presentato alla Quinzaine des Réalisateurs del 36º Festival di Cannes.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la fine della Seconda guerra mondiale restano in Gran Bretagna molti prigionieri italiani, per la maggioranza come aiutanti in favore degli agricoltori locali, secondo le disposizioni del governo inglese.

Il film è ambientato in Scozia dove gli italiani protagonisti lavorano nei campi ospiti di una famiglia in cui la giovane moglie Janie prova per loro ben più affetto e compassione rispetto al rude marito: tra lei e uno dei suoi ospiti nascerà un tenero e fugace rapporto che però finirà per mettere nei guai soprattutto l'incolpevole Luigi, originario di Napoli.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel cast originale doveva essere presente anche l'attore italiano Massimo Troisi che rifiutò per completare il proprio film "Scusate il ritardo".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Quinzaine 1983, quinzaine-realisateurs.com. URL consultato il 22 giugno 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema