Anomaly: Warzone Earth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anomaly: Warzone Earth
Anomaly Warzone Earth.jpg
Sviluppo 11 bit studios
Pubblicazione Just a Game, Microsoft
Ideazione Piotr Musial
Data di pubblicazione Windows, Mac
ColoredBlankMap-World-10E.svg 8 aprile 2011[1]
iOS
ColoredBlankMap-World-10E.svg 11 agosto 2011
Android
ColoredBlankMap-World-10E.svg January 26, 2012
XBLA
ColoredBlankMap-World-10E.svg 6 aprile 2012
Genere Strategia in tempo reale
Modalità di gioco Giocatore singolo, Multiplayer
Piattaforma Microsoft Windows, Mac OS X, Linux, iOS, Android, Xbox 360, PlayStation 3
Motore grafico RenderWare
Supporto DVD-ROM
Fascia di età ESRB: E

Anomaly: Warzone Earth è un videogioco strategico in tempo reale a pagamento sviluppato dalla 11 bit studios.[2] Il gioco è stato inizialmente annunciato a fine 2010[3], per poi essere pubblicato l'8 aprile 2011 per Microsoft Windows e Mac OS X.[4]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il gioco è ambientato in un futuro non lontano, in cui alcuni relitti di astronavi aliene sono stati rinvenuti in alcune grandi città terrestri come Baghdad e Tokyo.

Il giocatore assume il controllo del comandante di un battaglione (a cui nella storia si fa riferimento come al "quattordicesimo plotone") inviato per investigare sulle anomalie accadute nelle vicinanze dei relitti alieni e raccogliere informazioni su quanto accaduto, dato che le anomalie interferiscono con radar e immagini satellitari- e per neutralizzare eventuali minacce che possono esistere nelle astronavi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Justin McElroy, Anomaly Warzone Earth lands on April 8, Joystiq, 18 marzo 2011. URL consultato il 30 marzo 2011.
  2. ^ Levi Buchanan, Anomaly: Warzone Earth Flips Tower Defense Script, IGN, 18 gennaio 2011. URL consultato il 30 marzo 2011.
  3. ^ Jim Rossignol, 11bit Announce Anomaly: Warzone Earth, Rock, Paper, Shotgun, 13 ottobre 2010. URL consultato il 30 marzo 2011.
  4. ^ Jeff Mattas, Shack Giveaway: Anomaly Warzone Earth, Shacknews, 8 aprile 2011. URL consultato il 9 aprile 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi