Anniceride di Cirene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anniceride di Cirene (in greco 'Αννίκερις; ... – ...) è stato un filosofo greco antico, cirenaico, vissuto tra il IV e il III secolo a.C.. Anniceride, o Anniceri di Cirene, è citato da Diogene Laerzio (Vite, III, 20) a proposito della presunta schiavitù di Platone: «Lo riscattò, essendo lì per caso presente, Anniceride di Cirene, al prezzo di venti mine - altri dicono trenta - e lo rimandò dagli amici di Atene. Questi ultimi gli inviarono subito il denaro da lui pagato, che egli però non accettò, rispondendo che non solo loro erano degni di avere a cuore Platone. Altri dicono che anche Dione avrebbe inviato il denaro che Anniceride non volle ricevere e comprò per Platone anche il piccolo giardino dell'Accademia».

Allievo di Parebate, appartenne alla scuola filosofica di Cirene se pure non fu il fondatore di una propria scuola, detta degli "Annicerii". Non avrebbe riconosciuto un fine cui sarebbe soggetta la vita umana e avrebbe teorizzato il valore del piacere, tanto materiale che spirituale: se i piaceri del corpo vanno goduti nel breve momento in cui si producono, quelli dello spirito si prolungano tutta la vita e costituiscono un conforto ai dolori del corpo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Giannantoni, I Cirenaici, Firenze, 1958
  • Socratis et Socraticorum Reliquiae, Napoli, 1990

Studi[modifica | modifica wikitesto]

  • I. Brunschwig - M. C. Nussbaum, Passion and Perceptions, Cambridge, 1993