Anne Jean Marie René Savary

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anne Jean Marie René Savary
Savary peinture.jpg

Ministro della Polizia Generale del Primo Impero Francese
Durata mandato 3 giugno 1810 –
11 aprile 1814

Membro della Camera dei Pari del Primo Impero Francese
Durata mandato 20 marzo 1815 –
7 luglio 1815

Anne Jean Marie René Savary, duca di Rovigo (Marcq, 26 aprile 1774Parigi, giugno 1833), è stato un generale napoleonico e capo della polizia francese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Terzo figlio di un maggiore dell'esercito francese, iniziò a sedici anni la carriera militare. Presto aiutante di campo del generale Ferino nell'armata del Reno, partecipò all'ominima campagna sotto il comando dei generali Custine, Pichegru e Moreau. Promosso comandante di battaglione seguì il generale Desaix nella Campagna d'Egitto. Ritornato in Europa partecipò alla seconda Campagna d'Italia: fu lui che, vicino a Desaix al momento della sua morte nella battaglia di Marengo, portò il suo corpo al quartier generale. Qui fu nominato aiutante di campo dello stesso Bonaparte. Nel 1802 fu posto a capo della polizia segreta. Ebbe una parte controversa nella vicenda dell'esecuzione del Duca d'Enghien. Divenuto generale di divisione nel 1805, combatté ad Austerliz ed a Jena. Nel 1807 comandò il V Corpo d'armata al posto del generale Lannes, protesse Varsavia dopo la battaglia di Eylau e riportò la vittoria contro i russi nella battaglia di Ostrolenka (16 febbraio 1807). Dopo le battaglie di Heiselberg e Friedland fu insignito da Napoleone del titolo di duca di Rovigo e poco dopo fu nominato governatore della Prussia orientale. Dopo la pace di Tilsit fu ambasciatore plenipotenziario a San Pietroburgo. Partecipò nel 1808 alla guerra di Spagna. Divenne ministro di polizia nel 1810 in sostituzione di Fouché, carica che tenne fino al 1814. Accompagnò la seconda moglie di Napoleone, Maria Luisa d'Asburgo-Lorena, a Blois. Durante i Cento Giorni divenne Pari di Parigi e capo supremo della gendarmeria.

Cercò di seguire Napoleone all'isola di Sant'Elena ma gli inglesi glielo impedirono: arrestato sul Bellerophon, fu internato a Malta, dalla quale evase e fuggì prima in Austria e poi in Turchia. Trasferitosi a Smirne, si avventurò in speculazioni finanziarie nelle quali sperperò gran parte del suo patrimonio. Nel 1817 tornò in Austria per difendersi nel processo a lui intentato per la partecipazione all'esecuzione del duca di Enghien. Gli fu consentito di tornare a Smirne nel 1818 ed un anno dopo rientrò in Francia ove fu ben accolto e riabilitato ma non fu reintegrato nel suo ultimo incarico. Il 1º dicembre 1831 Luigi Filippo gli affidò l'alto comando in Algeria ove s'impadronì di Bona e diede corso attivamente alla colonizzazione ma a causa dell'eccessiva violenza delle sue azioni fu richiamato nel 1833, anno in cui morì.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'Onore
Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Grand officier dell'Ordine della Legion d'Onore
«promozione del 25 pratile dell'anno XII»
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Ferrea - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Corona Ferrea

Onorificenze estere[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Fedeltà - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Fedeltà
«Almanacco Imperiale del 1807»

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • David G. Chandler, Le Campagne di Napoleone, Milano, R.C.S. Libri S.p.A., 1998, ISBN 88-17-11577-0

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 22231617 LCCN: n/87/896516