Anne-Sophie Barthet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anne-Sophie Barthet
Anne-Sophie Barthet Semmering 2010.jpg
Anne-Sophie Barthet a Semmering nel 2010
Dati biografici
Nazionalità Francia Francia
Altezza 170 cm
Peso 70 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Slalom speciale, slalom gigante
Squadra Courchevel
Palmarès
Campionati francesi 0 1 2
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 21 marzo 2014

Anne-Sophie Barthet (Tolosa, 23 febbraio 1988) è una sciatrice alpina francese specialista delle discipline tecniche.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Stagioni 2005-2008[modifica | modifica sorgente]

La Barthet ha esordito in Coppa Europa nel dicembre 2004. All'inizio della stagione successiva, il 22 ottobre 2005, ha partecipato alla sua prima gara di Coppa del Mondo, lo slalom gigante di Sölden, senza però qualificarsi per la seconda manche. L'11 dicembre successivo ha poi conquistato i primi punti nel circuito con il 26º posto nello slalom speciale di Aspen.

Nel 2006 viene convocata per i XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006 in cui ottiene il 34º posto in slalom e non conclude la gara in combinata.

Durante la stagione 2006-2007 ha conquistato il primo podio in Coppa Europa, si è piazzata per la prima volta tra le prime 15 in una gara di Coppa del Mondo, ha partecipato ai Mondiali di Åre (19ª in slalom speciale, 22ª in supercombinata) e ha ottenuto due bronzi nei campionati nazionali francesi (discesa libera e slalom gigante).

L'8 dicembre dello stesso anno ha anche però subito un grave infortunio. Ad Aspen si disputava la discesa libera in condizioni da molti giudicate proibitive dopo due giorni di fitte nevicate. La caduta di Alexandra Meissnitzer, che ha indotto la nazionale austriaca a ritirare le proprie atlete, ha comunque fatto continuare la competizione, sospesa solo dopo la caduta della francese, scesa col numero 37[1]. La Barthet nell'incidente ha subito la dislocazione della rotula e la rottura dei legamenti del ginocchio[2], infortunio che l'ha tenuta lontano dalle gare fino all'inizio della stagione 2008-2009.

Stagioni 2009-2014[modifica | modifica sorgente]

Nel 2009 ha conquistato la medaglia d'argento in slalom gigante alla XXIV Universiade invernale, mentre l'anno dopo ha partecipato allo slalom speciale di Vancouver 2010, chiuso con il 26º tempo. Ai Mondiali di Garmisch-Partenkirchen 2011 è stata 19ª in slalom gigante e 14ª in slalom speciale, mentre nella successiva rassegna iridata, Schladming 2013, si è classificata 20ª in slalom gigante, 24ª in slalom speciale e 16ª in supercombinata. Nel 2013 la sciatrice francese si è anche aggiudicata la prima gara di Coppa Europa, salendo sul gradino più alto del podio nel gigante di Andalo/Paganella.

Ai XXII Giochi olimpici invernali di Soči 2014 si è classificata 14ª nello slalom gigante e 18ª nello slalom speciale.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Coppa del Mondo[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 48ª nel 2012 e nel 2013

Coppa Europa[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 10ª nel 2014
  • 5 podi:
    • 2 vittorie
    • 1 secondo posto
    • 2 terzi posti

Coppa Europa - vittorie[modifica | modifica sorgente]

Data Luogo Paese Disciplina
12 dicembre 2013 Andalo/Paganella Italia Italia GS
6 gennaio 2014 Zinal Svizzera Svizzera GS

Nor-Am Cup[modifica | modifica sorgente]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 56ª nel 2010
  • 1 podio
    • 1 secondo posto

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Luca Perenzoni, La Janyk vince una discesa assurda. Così non va in Fantaski.it, 8 dicembre 2007. URL consultato il 28 marzo 2014.
  2. ^ Luca Perenzoni, Svindal in Norvegia, Barthet e Fanara lunghi stop in Fantaski.it, 10 dicembre 2007. URL consultato il 28 marzo 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]