Anna Maria Vasa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Re di Svezia
Casato di Vasa
Armoiries rois Vasa de Suède.svg

Gustavo I (1523-1560)
Erik XIV (1560-1568)
Giovanni III (1568-1592)
Sigismondo I (1592-1599)
Carlo IX (1599-1611)
Gustavo II Adolfo (1611-1632)
Cristina (1632-1654)

Anna Maria Vasa (Stoccolma, 19 giugno 154530 marzo 1610) fu una principessa svedese e contessa palatina di Veldenz.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlia di Gustavo I di Svezia e della seconda moglie Margherita Leijonhufvud.

Venne data in moglie a Giorgio Giovanni I, conte palatino di Veldenz che sposò a Stoccolma il 20 ottobre 1562[1].

Dopo il matrimonio, a cui venne invitato anche il re di Danimarca, partì per il Sacro Romano Impero.

Diede al marito undici figli:

Fu politicamente attiva, influenzando il marito nelle sue scelte di governo e partecipando alle trattative matrimoniali tra i fratelli e diverse dinastie tedesche. Si interessò anche al matrimonio tra Carlo IX di Svezia e Anna Maria di Wittelsbach-Simmern.

Nel 1592 rimase vedova e passò il resto della sua vita a pagare gli enormi debiti contratti da suo marito. Dal 1592 al 1598 venne nominata reggente dei territori lasciati in eredità dal marito ai loro figli. Dovette intervenire anche come mediatore tra i suoi figli per evitare lotte tra loro riguardo alla spartizione dei territori.

Nel 1598, il primogenito ottenne le contee di Veldenz e Lautereck, mentre ai suoi fratelli andarono altre terre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vasa

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]