Anna Leszczyńska

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anna Leszyńska

Anna Leszyńska (25 maggio 1699Zweibrücken, 20 giugno 1717) era la primogenita del conte Stanislao Leszczyński e della contessa Caterina Opalińska; suo padre sarebbe stato eletto re di Polonia cinque anni dopo la sua nascita, nel 1704, mentre la sorella minore, Maria, sposò il 4 settembre 1725 il re Luigi XV di Francia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Quando nel 1709 le truppe di Carlo XII di Svezia, che sosteneva il padre di Anna quale re di Polonia, vennero sconfitte dai russi a Poltava, il padre di Anna, divenuto Stanislao I di Polonia, abbandonato dalla nobiltà polacca, fu costretto a fuggire a Stoccolma con la famiglia e pochi sostenitori, ma come soluzione transitoria fino al suo ritorno vittorioso in Polonia, re Carlo XII gli cedete il ducato di Palatinato-Zweibrücken, dove la famiglia andò a vivere.

Di costituzione estremamente gracile, ma di bell'aspetto e buon carattere, nel 1712, non ancora tredicenne, anche se i tredicini anni allora erano normalmente l'età da marito delle principesse, sposò a Birkenfeld (Renania-Palatinato) il principe Carlo Guglielmo del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld (1648-1719), unico nipote del principe Federico del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld (1584-1626) e pronipote di Carlo I del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld, appartenente ad un ramo cadetto della dinastia dei Palatinato-Zweibrücken e cugino di Cristiano II del Palatinato-Zweibrücken-Birkenfeld; Carlo Guglielmo aveva 64 quando sposò Anna ed era già stato tre volte vedovo e inoltre soffriva di psicosi maniaco-depressiva, per cui i suoi discendenti erano stati esclusi dalla successione al principato; Carlo Guglielmo e Anna ebbero un figlio nato morto nel dicembre del 1712; nel 1714 Anna perse un figlio tramite aborto e l'ultimo dei suoi figli, nato nel 1715, visse solo pochi giorni; Anna morì di pneumonia e fu sepolta nella chiesa di Gräfinthal.