Ankh (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ankh
Sviluppo Deck13 Interactive
Pubblicazione Deck13 Interactive
Data di pubblicazione 2005
Genere Avventura grafica
Modalità di gioco Singolo giocatore
Piattaforma Microsoft Windows
Supporto CD - DVD
Periferiche di input Mouse, Tastiera

Ankh è un'avventura grafica punta-e-clicca prodotta da Deck13 Interactive. È ambientata in una ricostruzione completamente tridimensionale dell'Egitto nell'epoca dei Faraoni. Lo stile del gioco, ricco di situazioni paradossali e humour demenziale, ricorda da vicino le vecchie avventure Lucasarts.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore impersona Assil, il figlio di un famoso architetto del Cairo. Personaggio festaiolo, organizza una serata all'interno di una piramide insieme a due suoi amici. §Ma in questa occasione distrugge goffamente alcune urne, disturbando così il riposo di una mummia, che lo punisce comminandogli una maledizione mortale. Compito del giovane è cercare di liberarsi da tale maledizione entro 24 ore; per farlo sarà costretto a rivolgersi al Faraone o al dio Osiride in persona. Nelle fasi centrali, Assil incontrerà Thara (anch'ella giocabile), la figlia dell'ambasciatore dell'Arabia

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Durante un segmento subacqueo, mentre Assil apre un forziere di una nave pirata affondata, viene suonato un accenno del tema di Monkey Island.
  • Assil interpella un genio della lampada chiedendogli quale sia la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto. La risposta, riprendendo quanto affermato nella Guida Galattica per gli Autostoppisti, è 42.

La serie[modifica | modifica wikitesto]

Questo è il secondo titolo della serie Ankh:

  1. Ankh: The Tales of Mystery, Artex Software, 1998, RISC OS
  2. Ankh, Deck 13, 2005, Windows
  3. Ankh: Il Cuore di Osiride, 30 ottobre 2006 (Germania), Windows [1]
  4. Ankh: Kampf der Götter, Deck13, 2007 (Germania), Windows
  5. Ankh: Der Fluch des Skarabäenkönigs, Deck13, 2008 (Germania), Nintendo DS

Collegamenti[modifica | modifica wikitesto]