Anito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Anito, figlio di Antemione (in greco antico Ἄνυτος, traslitterato in Ànytos; Atene, metà V secolo a.C. – dopo il 399 a.C.), è stato un politico e militare ateniese, di parte democratica.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Anito, figlio di un ricco commerciante, fu strategos nel 409 a.C.; nel 404 a.C., dopo la sconfitta di Atene nella guerra del Peloponneso e l'instaurazione del regime oligarchico e filo-spartano dei Trenta tiranni, tornò in patria l'anno dopo con Trasibulo e divenne uno dei protagonisti della restaurazione della democrazia.

Nel 399 a.C. fu, insieme a Licone, sostenitore dell'accusa di corruzione dei giovani presentata da Meleto nei confronti di Socrate, che per questo motivo fu condannato a morte.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie
Fonti secondarie