Anisocoria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Anisocoria
Anizokoria.JPG
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 379.41
ICD-10 H57.0
OMIM 106240
MeSH D015875
MedlinePlus 003314
eMedicine 1158571

L'anisocoria è una diseguaglianza del diametro delle pupille a riposo oppure in seguito ad una stimolazione.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È generalmente causata da una lesione o dalla semplice irritazione degli organi che regolano la mobilità pupillare, oppure ancora da alterazioni del diaframma irideo. Si può avere anisicoria inoltre nell'emorragia meningea, nei tumori cerebrali, nelle meningiti, nell'encefalite epidemica, in alcune intossicazioni come l'alcolismo, nella sindrome chiamata pupilla di Adie.

Una leggera anisicoria può essere fisiologica o dovuta all'assunzione di farmaci. Per esempio, nel caso di uso prolungato di farmaci contro la nausea, oppure determinata volontariamente dall'oculista per permettere un adeguato esame oculare. Può essere indotta anche da un'alterata innervazione dell'occhio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Anisocoria." Stedman's Medical Dictionary, 27th ed. (2000). ISBN 0-683-40007-X
  • Victor, Maurice and Allan H. Ropper. Adams and Victor's Principles of Neurology, 7th ed. (2001). ISBN 0-07-067497-3

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina