Anime perse

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anime perse
Paese di produzione Italia
Anno 2006
Durata 90 min
Colore colore
Audio sonoro Dolby SD
Genere Horror / Drammatico / W.I.P.
Regia Bruno Mattei
Sceneggiatura Antonio Tentori
Montaggio Daniele Campelli
Scenografia Claudio Cosentino
Interpreti e personaggi

Anime perse (conosciuto anche come The Jail - L'inferno delle donne) è un film italiano direct-to-video diretto da Bruno Mattei nel 2006. Ad oggi è tuttora inedito in Italia.

Il film è stato girato nelle Filippine, ma si tratta di una produzione totalmente italiana. La produzione è stata di Gianni Paolucci (La perla nera films), la regia è di Bruno Mattei (che si firma con il suo pseudonimo Vincent Dawn), la sceneggiatura di Antonio Tentori, mentre le scenografie sono state affidate a Claudio Cosentino e il montaggio a Daniele Campelli. Il cast comprende invece per la quasi totalità attori occidentali e comparse locali.

La particolarità di questo lungometraggio è il suo genere, il cosiddetto women in prison (WIP), filone facente parte dell'exploitation attivo per un breve periodo negli anni settanta e poi decaduto. Appartengono a questo genere le pellicole nelle quali vengono raccontate le vicende di alcune donne, imprigionate e sottoposte a torture fisiche.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Jennifer, Carol e Lisa hanno commesso gravi crimini e vengono mandate a scontare la loro pena in un carcere femminile situato su un'isola chiamato La casa delle anime perse. Qui le violenze contro le detenute sono all'ordine del giorno per volere della violentissima direttrice. Le tre ragazze tentano così un piano di evasione da quell'inferno.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Il film venne presentato in anteprima nel settembre del 2006 al Fantafestival di Sabaudia con la presenza del regista e dello sceneggiatore.[1]

Nonostante non esista tuttora una versione in DVD per l'Italia, il film è stato distribuito in Repubblica Ceca (con il titolo Ženská věznice per l'etichetta Vapet Production) ed in Giappone (come Prison island)[2] . La visione è vietata ai minori a causa dell'elevato tasso di violenza.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.romaspettacolo.net/2006/09/il-fantafestival-arriva-sabaudia.html
  2. ^ http://www.imdb.com/title/tt0853244/releaseinfo?ref_=tt_dt_dt#akas
cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema