Anima nera (film 1962)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anima nera
Bergman with Rossellini.jpg
Roberto Rossellini (qui ripreso assieme a Ingrid Bergman), regista di "Anima nera".
Titolo originale Anima nera
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia, Francia
Anno 1962
Durata 97'
Colore B/N
Audio mono
Rapporto 1,85 : 1
Genere drammatico
Regia Roberto Rossellini
Soggetto Giuseppe Patroni Griffi
Sceneggiatura Giuseppe Patroni Griffi, Alfio Valdarnini, Roberto Rossellini
Produttore Gianni Hecht Lucari
Casa di produzione Documento Film
Fotografia Luciano Trasatti
Montaggio Daniele Alabiso
Musiche Piero Piccioni
Scenografia Elio Costanzi, Alfredo Freda
Costumi Marcella de Marchis Rossellini
Trucco Giuliano Laurenti
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Anima nera è un film del 1962, diretto dal regista Roberto Rossellini, tratto dalla omonima commedia di Giuseppe Patroni Griffi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo molti anni in cui ha condotto una vita discutibile e scapestrata, Adriano decide di sposare Marcella, una ragazza che proviene da una famiglia borghese, la quale, però, contraria a questo matrimonio, la ripudia. Il losco passato di Adriano riemerge quando si fa viva con lui Olga, una donna che lo manteneva, che gli chiede la restituzione un debito che in passato aveva contratto con lei.

Per far fronte a queste richiesta Adriano dovrebbe accettare un'eredità proveniente da un nobile di Torino. Ciò fa emergere che con costui lui aveva avuto un rapporto equivoco. Quando la sorella del defunto svela la verità a Marcella, questa, disgustata, decide di abbandonare Adriano. L'uomo, a questo punto, avvia una relazione con Mimosa, una donna di discussa moralità.

Marcella, pentita del suo gesto, torna a casa dal marito, dove trova Mimosa, che la rimprovera della sua incomprensione nei confronti di Adriano, critiche che la donna sembra accettare. Cerca quindi di ricostruire il loro rapporto, ponendo però la condizione che Adriano rifiuti quella eredità. Vuole quindi convincere il marito e parla a lungo con lui, il quale, però, annoiato, annuisce, ma fa soltanto finta di ascoltarla.

Critica e commenti[modifica | modifica wikitesto]

Il film non ebbe grandi accoglienze. Per Valentino Di Carlo «testo teatrale e film si limitano a prendere atto che l’anima di Adriano e veramente nera nonché della esistenza di un mondo corrotto e depravato. Ma Rossellini si è ben guardato dal darci una sua interpretazione di questo ambiente, un suo giudizio sui personaggi. Gassman sembra tornato ai bei tempi dei felloni tutto d'un pezzo di "Riso amaro»[1]

Di analogo tenore, pur lodando l'interpretazione di Gassman, La Stampa: «il regista non si è accorto che l'azione qui è soltanto apparente come simulati sono i sentimenti e le passioni. Così che il film annaspa in un fitto dialogo dietro al quale c'è quasi sempre il vuoto. Rossellini non era davvero il regista più adatto per riempirlo».[2]

Lo stesso Gassman, il principale interprete, diede un giudizio molto critico sulla pellicola: «Anima Nera fu un vero obbrobrio, che però in fondo sono contento di aver fatto perché è l’unica cosa che ho fatto con Rossellini che io ho sempre ammirato forse più di qualunque altro. Anima Nera - continua Gassman - è forse il peggior film di Rossellini in cui lui era arrivato ad un tale disgusto cinico che la più parte del tempo non c'era, cioè mi diceva: "senti Vittorio tu sai tutto, tu sei quel grande attore che sei [...] alle volte la presenza del regista disturba... io vado via due orette fate voi...voi sapete..." Nell'insieme ne venne fuori un film quasi osceno»[3] Giudizio che l'attore ribadì anche in un'altra occasione: «Anima nera è stata una esperienza negativa, davvero negativa. un film scadente [...] un film sbagliato, un film mediocre.»[4]

In un'altra occasione[5] l'attore scrisse «la mia scarsa concentrazione nel lavoro si accordò magnificamente con il distacco che ormai Roberto manifestava nei confronti del cinema. Un giorno [...] pur di non spostarsi da Roma ed Ostia, inventò un complicatissimo sistema di specchi per proiettare un fondo marino nel teatro di posa. Il risultato fu orrendo: io e Nadia Tiller sembravano due dementi che amoreggiano in un acquario....»

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Negli stessi giorni in cui usciva Anima Nera, veniva presentato nelle sale cinematografiche anche Mondo sulle spiagge diretto dal figlio di Roberto, Renzo Rossellini, allora ventunenne. Il film apparteneva al filone, a quel tempo molto in voga, di inchiesta sexy, dove l'apparente indagine era in realtà il pretesto per una serie di scene di spogliarello e rivista. Fu stroncato dalla critica.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione su La notte del 6 settembre 1962 riportata in: Giacomo Gambetti: Vittorio Gassman. Gremese edit. Roma.
  2. ^ recensione apparsa sul numero 194 del 1 settembre 1962, a firma Vice, consultata presso l'archivio on line del quotidiano.
  3. ^ dichiarazione riportata nel libro di Giacomo Gambetti Vittorio Gassman Gremese edit. Roma.
  4. ^ tratto da Jean A. Gili "Arrivano i mostri" Cappelli edit, Bologna 1980
  5. ^ Nel libro autobiografico Un grande avvenire dietro le spalle Longanesi edit. , MIlano 1981
  6. ^ altro articolo a firma Vice su "La stampa" del 1º settembre 1962, consultato presso l'archivio on line del quotidiano.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Isabella Rossellini: Nel nome del padre, della figlia e degli spiriti santi. Un ricordo di Roberto Rossellini". Edit. Contrasto Due, Milano, 2006 ISBN 978-88-6965-007-9
  • Gianni Rondolino: Rossellini. UTET Torino, 2006. ISBN 978-8802-07-359-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema