Anicio Fausto Albino Basilio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anicio Fausto Albino Basilio (latino: Anicius Faustus Albinus Basilius;[1] fl. 541-547; ... – ...) fu un uomo politico dell'Impero bizantino, l'ultimo console della storia romana, nel 541, se si esclude il consolato dell'imperatore Giustino II del 566.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Non sono note le sue origini, sebbene il suo nome suggerisca che appartenesse alla famiglia aristocratica romana dei Decii: è probabile che fosse il nipote del console del 480, Basilio, e forse era figlio del console del 493, Albino.[2]

Il 1º gennaio 541 assunse il consolato a Costantinopoli senza collega. Il dittico consolare di Albino Basilio elenca i suoi titoli al momento dell'assunzione del consolato: vir inlustris, comes domesticorum,[3] patricius e console ordinario.[4]

Era a Roma quando Totila entrò in città il 17 dicembre 546, e fu costretto a fuggire.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il suo nome è riportato come "Anic(ciu) Faust(us) Albin(us) Basilius" sul dittico consolare, come "Albinus Basilius" sul Liber Pontificalis, "Fl(avius) Basilius" nelle iscrizioni.
  2. ^ Jones.
  3. ^ In questo periodo il rango di comes domesticorum non era più collegato al comando della guardia imperiale, ma solo un titolo necessario per conferire quello di vir inlustris.
  4. ^ Jones.
  5. ^ Jones.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Predecessore
Flavio Pietro Teodoro Valentino Rusticio Boraides Germano Giustino
Console romano
541
senza collega
Successore
-