Angmering

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angmering
parrocchia civile
Localizzazione
Stato Regno Unito Regno Unito
   Inghilterra Inghilterra
Regione Sud Est
Contea County Flag of West Sussex.png West Sussex
Distretto Arun
Territorio
Coordinate 50°49′43.57″N 0°29′04.49″W / 50.828769°N 0.484581°W50.828769; -0.484581 (Angmering)Coordinate: 50°49′43.57″N 0°29′04.49″W / 50.828769°N 0.484581°W50.828769; -0.484581 (Angmering)
Superficie 1 782 km²
Abitanti 5 639 (2001)
Densità 3,16 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale BN16
Prefisso 01903
Fuso orario UTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Regno Unito
Angmering

Angemering è un villaggio posto a circa 6 km da Littlehampton e Worthing nella contea del West Sussex. Si trova vicino al mare, infatti il Canale della Manica dista solo 3 km.

Panoramica[modifica | modifica sorgente]

La parrocchia civile si estende per circa 10 km di lunghezza e 3 di larghezza, le origini del villaggio sono remote e risalgono all'Età del bronzo, nella zona si trovano anche i resti di una villa romana. Ad Angmering si trova una chiesa del XII secolo, intitolata a St. Mary, che è stata ampiamente ristrutturata nel 1852 da Samuel Senders Teulon (2 marzo 1812-2 maggio 1873) e di nuovo nel 2009. Poco distante dal villaggio si trova Highdown Hill una collina che porta resti risalenti all'Età del bronzo e in cui oggi si trovano dei vigneti racchiusi entro gli Highdown Gardens ricavati da un'antica cava di gesso. Tutta questa zona è sotto la protezione del National Trust for Places of Historic Interest or Natural Beauty. Ad Angmering nacque Tom Olliver (1812-7 gennaio 1874), un fantino ed allenatore di cavalli da corsa che vinse il Grand National nel 1842, 1843 e 1852.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il nome del villaggio deriva dal sassone e significa "i seguaci o i dipendenti di Angenmaer"[1].

Gemellaggio[modifica | modifica sorgente]

Angmering è gemellato con Ouistreham nella regione del Calvados in Francia.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hunter Blair, Peter (1966). Roman Britain and Early England: 55 B.C. - A.D. 871. W.W. Norton & Company. pp. 176

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]