Angels (film 1994)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angels
Titolo originale Angels in the Outfield
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1994
Durata 102 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,85 : 1
Genere commedia, sportivo
Regia William Dear
Soggetto Richard Conlin
Sceneggiatura Dorothy Kingsley, Holly Goldberg Sloan, George Wells
Produttore Richard Birnbaum
Casa di produzione Walt Disney Pictures, Caravan Pictures
Distribuzione (Italia) Buena Vista International
Fotografia Matthew F. Leonetti
Musiche Randy Edelman
Interpreti e personaggi

Angels (Angels in the Outfield) è un film del 1994 diretto da William Dear.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Roger è un ragazzo di 12 anni che ha perso la madre e vive in una casa-famiglia. Il padre, che non lo vuole insieme, gli ha promesso che si ricongiungeranno quando la scalcinata squadra di baseball degli Angels vincerà il campionato. Roger segue le partite della squadra con l'amico Jp. La squadra però non è molto forte e perde una partita dopo l'altra guidato dal disilluso allenatore Geroge Knox che litiga in continuazione con il cronista ufficiale degli Angels (il quale aveva rovinato la carriera a Knox infortunandolo durante una partita).

Roger prega affinché la squadra vinca il campionato e appaiono dei veri angeli che cominciano ad aiutare i giocatori a vincere la prima partita. Jp viene estratto per farsi scattare una fotografia con l'allenatore Knox, ma cede la possibilità all'amico Roger, che rivela a Knox che la vittoria è merito degli angeli. Knox ovviamente non gli crede ma dopo aver vinto un'altra partita decide di utilizzare Roger come portafortuna. E sarà Roger, dalla tribuna, a suggerire quali giocatori, in base alla vicinanza degli angeli, mettere in campo rilanciando così anche giocatori finiti.

Quando mancano due partite alla fine del campionato, Roger viene chiamato in tribunale. Gli Angels perdono e Roger scopre che, nonostante gli sforzi degli angeli, il padre l'ha abbandonato definitivamente. Alla vigilia dell'ultima partita, il cronista informato involontariamente da Jp, pubblica la storia degli angeli mettendo in cattiva luce Knox. Il presidente del club ordina all'allenatore di smentire, pena l'esonero. Ma alla conferenza stampa si presentano anche Jp e Roger, e Knox conferma la storia degli angeli trovando l'appoggio dei giocatori. Non solo non viene licenziato ma la squadra vince l'ultima partita e il campionato stavolta senza aiuti divini. Knox, ormai affezionatosi ai bambini, li adotta.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema