Angelo Turconi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Turconi
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1959 - giocatore
1972 - allenatore
Carriera
Giovanili
Pro Patria Pro Patria
Squadre di club1
1940-1942 Pro Patria Pro Patria 46 (11)
1942-1943 Liguria Liguria 2 (1)
1944 Varese Varese 18 (6)
1944 Milan Milan 0 (0)
1945-1950 Pro Patria Pro Patria 172+ (62+)
1950-1954 Como Como 106 (21)
1954-1955 Palermo Palermo 16 (6)
1955-1957 Sanremese Sanremese 46 (10)
1957-1958 Pro Patria Pro Patria 24 (1)
1958-1959 Borgomanero Borgomanero  ? (?)
Nazionale
1948 Italia Italia 2 (1)
Carriera da allenatore
1964-1965 Verbania Verbania
1965-1967 Pro Patria Pro Patria
1968-1969 Verbania Verbania
1970-1971 Borgomanero Borgomanero[1]
1971-1972 Pro Patria Pro Patria
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Angelo Turconi (Solbiate Olona, 5 luglio 1923Busto Arsizio, 3 agosto 2011[2]) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo centrocampista.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Mezzala dal fisico potente, molto dinamico e dotato di un forte tiro, veniva utilizzato talvolta (specie ad inizio carriera) anche da centravanti.[3]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Cresce nelle giovanili della Pro Patria, affacciandosi in prima squadra a partire dalla stagione 1940-1941, nella quale i tigrotti conquistano la promozione in Serie B. Disputa coi biancoblu un campionato cadetto, con 9 reti all'attivo, quindi nell'estate 1942 sia trasferisce a Genova per indossare la maglia del Liguria, in Serie A. Coi rossoneri non riesce ad imporsi da titolare (2 presenze nel campionato Serie A 1942-1943, con una rete all'esordio nella vittoria interna sulla Lazio),[4] e, dopo l'interruzione bellica, viene posto in lista di trasferimento[5] e torna a Busto Arsizio.

Coi lombardi centra la promozione in Serie A nella stagione 1946-1947, e disputa tre stagioni in massima serie, contribuendo con 18 reti all'attivo al miglior risultato della storia dei biancoblu (ottavo posto nella stagione Serie A 1947-1948), e trovando la via del gol con regolarità (37 reti in 3 stagioni).

Nel 1950 passa al Como, con cui disputa altre tre stagioni in massima serie, e, dopo la retrocessione dei lariani della stagione 1952-1953, una in Serie B. Nel 1954 viene acquistato dal Palermo, e in Sicilia disputa un campionato in Serie B, segnando 6 reti in 16 partite.

Trascorre le ultime stagioni agonistiche fra Serie C e Serie D prima con la Sanremese, quindi tornando alla Pro Patria ed infine con il Borgomanero.

In carriera ha totalizzato complessivamente 201 presenze e 55 reti in Serie A, e 98 presenze e 39 reti in Serie B.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Conta 2 presenze ed una rete con la Nazionale italiana, entrambe durante le Olimpiadi di Londra, esordendo il 2 agosto 1948 in Italia-Stati Uniti (9-0).

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Cessata l'attività agonistica, intraprende quella di allenatore, guidando in due diversi periodi sia il Verbania[6] che la Pro Patria.[3]

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Era sposato con una donna di nome Livia.[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, pag. 309
  2. ^ a b Se ne va un grande tigrotto, Angelo Turconi forzatigri.wordpress.com
  3. ^ a b Angelo Turconi Bustocco.it
  4. ^ (EN) Italy 1942-1943 Rsssf.com
  5. ^ Le liste di trasferimento dei calciatori del Nord, Il Corriere dello Sport, 28 settembre 1945, pag.2
  6. ^ Verbania Calcio 08-09 it.calameo.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]