Angelo Ricapito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Ricapito (memoria.provincia.ar.it, CC-BY 3.0).

Angelo Ricapito (Giovinazzo, 1923Arezzo, 14 luglio 1944) è stato un partigiano italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Residente a Zara, nell'aprile del 1943 si arruolò nell'Aeronautica. Dopo l'Armistizio di Cassibile disertò e si aggregò ad una banda partigiana operante in Casentino. Alla fine di aprile del 1944 fu inquadrato nel II Battaglione facente capo alla 23ª Brigata Garibaldi "Pio Borri", della quale brigata divenne poco dopo vicecomandante. Catturato dai Tedeschi il 29 giugno dopo uno scontro a fuoco a Molino dei Falchi, fu torturato per giorni ed ucciso il 14 luglio nella cosiddetta Strage di San Polo[1].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Medaglia d'oro al valor militare (alla memoria) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare (alla memoria)
«Eletto vice comandante di Brigata partigiana in riconoscimento del valore dimostrato nei momenti pia critici della lotta, sfidò per oltre dieci mesi lamorte tesa in agguato. Dopo un violento combattimento protrattosi per alcuni giorni contro soverchianti forze nemiche, rimasto isolato con pochi uomini a sostenerne l'attacco, riusciva a sganciare i superstiti e ad attraversare con essi la linea del fronte portando prigionieri e bottino. Volontario per rischiosa missione presso la sua Brigata nuovamente impegnata dal nemico, assolveva il compito fra gravi pericoli e, accerchiato col suo comando, dopo eroica lotta, cadeva nelle mani dei suoi aguzzini. Sottoposto a barbare torture non faceva alcuna rivelazione ed il suo corpo piagato e straziato veniva sepolto ancor vivo, elevando col suo martirio la morte ad inno di gloria[2].»
— Arezzo, Alpe di Catenaia, Monte Favalto, San Polo, 1 ottobre 1943 - 14 luglio 1944.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Angelo Ricapito in Provincia di Arezzo - Progetto Memoria. URL consultato il 31-08-2010.
  2. ^ Angelo Ricapito - Decorazioni in Provincia di Arezzo - Progetto Memoria. URL consultato il 31-08-2010.