Angelo Paravisi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Paravisi
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
Caritas Christi Urget Nos
Incarichi ricoperti Vescovo titolare di Torre di Proconsolare
Vescovo di Crema
Nato 15 settembre 1930,
a Colognola
Ordinato presbitero 30 maggio 1953
Consacrato vescovo 25 giugno 1988,
dal vescovo Giulio Oggioni
Deceduto 2 settembre 2004, a Crema

Angelo Paravisi (Colognola, 15 settembre 1930Crema, 2 settembre 2004) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Angelo Paravisi nasce all'interno di una numerosa famiglia che sarà composta dal padre Giacomo, dalla madre Adelaide e da otto figli.

Agli inizi degli anni quaranta entra in seminario, iniziando un cammino spirituale che lo porta all'ordinazione sacerdotale il 30 maggio 1953, avvenuta alla presenza del vescovo missionario monsignor Giuseppe Maggi (in sostituzione del vescovo titolare monsignor Adriano Bernareggi, gravemente malato).

La sua prima destinazione è Osio Sotto, in qualità di aiutante dell'anziano parroco don Giovanni Manzoni. Qui si prodiga per il mantenimento e lo sviluppo del'oratorio, del cine-teatro, della corale, Nel 1959 viene nominato economo parrocchiale.

Nel 1961 il giovane don Angelo viene destinato all'oratorio dell'Immacolata, nella parrocchia di Sant'Alessandro a Bergamo. Nel 1964 diviene assistente diocesano dei giovani di Azione Cattolica.

Nel 1970 viene nominato Prevosto di Alzano Maggiore, sei anni dopo, il 1º novembre 1976 diviene Arciprete Plebano nella popolosa Seriate.

Nel 1988 il vescovo di Bergamo monsignor Giulio Oggioni lo chiama in città in qualità di vescovo ausiliare. Viene consacrato il 25 giugno e contemporaneamente nominato vescovo titolare di Torre di Proconsolare.

Alle ore 11 di giovedì 11 luglio 1996 in contemporanea a Bergamo e Crema viene dato annuncio della nomina di monsignor Angelo Paravisi a vescovo di Crema. Succede a monsignor Libero Tresoldi, che lascia la sede per raggiunti limiti di età. Vi fa ingresso il 6 ottobre del medesimo anno alla presenza dell'arcivescovo di Milano, il cardinale Carlo Maria Martini.

Attività[modifica | modifica sorgente]

Tra le varie attività svolte a Crema vanno ricordate: le visite al mondo lavorativo (tradizione iniziata nel 1951 da monsignor Giuseppe Piazzi), le attività pro missioni culminate con la visita pastorale ai sacerdoti cremaschi operanti in America Latina, nel 1999; il cammino di preparazione all'anno santo 2000, nonché i numerosi impegni dell'anno del giubileo, tra i quali va ricordata la presenza assieme ai giovani cremaschi nella Giornata Mondiale della Gioventù; l'unificazione di tutti gli istituti cattolici in un'unica scuola diocesana (2000); l'inizio (2001) della visita pastorale a tutte le parrocchie della diocesi (rimasta incompiuta); il restauro del prezioso Crocifisso ligneo della cattedrale; l'istituzione del nuovo seminario diocesano, la cui inaugurazione è avvenuta nel 2002 nella frazione di Vergonzana; il ripristino del 10 giugno come data di celebrazione di San Pantaleone, patrono della città e della diocesi (per qualche anno la ricorrenza era stata trasferita alla terza domenica di settembre); l'ordinazione (evento ormai raro) di due nuovi sacerdoti, don Emanuele Barbieri e don Simone Valerani, il 19 giugno 2004.

Il 18 giugno 2004 monsignor Paravisi apre la fase diocesana del processo investigativo per la beatificazione di padre Alfredo Cremonesi, missionario cremasco assassinato in Birmania il 7 febbraio 1953.

Nel corso dell'estate si acuisce la malattia che da tempo lo aveva colpito: muore in vescovado il 2 settembre 2004. I funerali, presieduti dal cardinale Dionigi Tettamanzi, arcivescovo di Milano, si svolgono in cattedrale il pomeriggio del 4 settembre 2004.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.
Predecessore Vescovo titolare di Torre di Proconsolare Successore BishopCoA PioM.svg
Luciano Pedro Mendes de Almeida 1988 - 1996 Luigi Pezzuto
Predecessore Vescovo di Crema Successore BishopCoA PioM.svg
Libero Tresoldi 6 ottobre 1996 - 2 settembre 2004 Oscar Cantoni

Fonti[modifica | modifica sorgente]

  • "Il Vescovo Angelo. A trenta giorni dal suo passaggio alla Luce della Pasqua", supplemento gratuito n. 12 a Il Nuovo Torrazzo n. 36 di sabato 25 settembre 2004
  • "L'amore di Cristo ci sospinge", omelia del cardinale Tettamanzi ai funerali di mons. Paravisi