Angelo Capranica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Capranica
cardinale di Santa Romana Chiesa
Antoniazzo Romano fresco - Madonna with child and saints.jpg
Antoniazzo Romano, Madonna con bambino, un santo vescovo e sant'Agnese, affresco, Roma, Collegio Capranica; in ginocchio i cardinali Domenico (a sin.) e Angelo Capranica
COA Card Domenico Capranica.svg
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Manfredonia
Arcivescovo di Ascoli Piceno
Arcivescovo di Rieti
Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme
Cardinale vescovo di Palestrina
Arcivescovo di Fermo
Nato circa 1415, Capranica Prenestina
Ordinato presbitero nessuna informazione
Nominato arcivescovo 17 marzo 1438 da papa Eugenio IV
Consacrato arcivescovo nessuna informazione
Creato cardinale 5 marzo 1460 da papa Pio II
Deceduto 3 luglio 1478, Roma

Angelo Capranica (Capranica Prenestina, 1415 circa – Roma, 3 luglio 1478) è stato un cardinale e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il cognome originario della famiglia era Pantagati; ma Angelo, come peraltro aveva fatto il più anziano fratello Domenico, anch'egli cardinale, cambiò il cognome con quello del paese natale[1][2]. Dopo aver completato gli studi, fu creato da papa Eugenio IV arcivescovo di Siponto il 17 marzo 1438, da Niccolò V vescovo di Ascoli Piceno il 5 maggio 1447 e vescovo di Rieti il 25 settembre 1450. Contemporaneamente svolgeva attività di governo nello Stato della Chiesa dapprima come governatore di Foligno e poi come legato pontificio di Bologna, per cui nel concistoro di Siena del 5 marzo 1460 Pio II lo nominò cardinale prete di Santa Croce in Gerusalemme, in successione al fratello Domenico morto nel 1458, e legato della Romagna.

Il fratello Domenico, morto nel 1458, lo aveva nominato esecutore testamentario; le volontà di Domenico, che aveva fatto costruire un palazzo (Palazzo Capranica) nei pressi della chiesa di Santa Maria in Aquiro con l'intenzione di destinarlo a sede di un collegio (il futuro Almo collegio Capranica)[3], vennero tuttavia in parte disattese da Angelo il quale destinò al collegio solo parte del palazzo, riservandone il resto alla famiglia, che successivamente lo trasformò in parte in teatro (Teatro Capranica)[2][4][5].

Nel 1473 papa Sisto IV lo nominò arcivescovo di Fermo, rimasta libera per la morte del nipote Niccolò Capranica; Angelo si dimise nel 1474 per ritornare a Rieti. Morì a Roma nel 1478, quando era vescovo di Palestrina; fu sepolto in Santa Maria sopra Minerva, chiesa dell'ordine domenicano, nella cappella del Rosario di Santa Caterina da Siena, accanto al fratello Domenico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dirk van Ameyden, La storia delle famiglie romane di Teodoro Amayden, con note ed aggiunte di Carlo Augusto Bertini. Sala Bolognese : Forni, ristampa 1979, Vol. I, p. 349
  2. ^ a b Notizie sul già Teatro Capranica dalla sua origine ad oggi. Roma : Tipografia Innocenzo Artero, 1914
  3. ^ Carlo Pietrangeli (a cura di), SPQR, Assessorato per le antichità, belle arti e problemi della cultura, Guide rionali di Roma, Rione III: Colonna, parte I. Roma : Fratelli Palombi, 1977, pp. 54-56
  4. ^ Alessandro Ademollo, I teatri di Roma. Roma : Pasqualucci, 1888
  5. ^ Saverio Franchi, Drammaturgia romana. II, 1701-1750 : annali dei testi drammatici e libretti per musica pubblicati a Roma e nel Lazio dal 1701 al 1750, con introduzione sui teatri romani nel Settecento e commento storico-critico sull'attività teatrale e musicale romana dal 1701 al 1730; ricerca storica, bibliografica e archivistica condotta in collaborazione con Orietta Sartori. Roma : Edizioni di storia e letteratura, 1997, ISBN 88-87114-06-4, pp. XXXII-XLVII

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lorenzo Cardella, Memorie storiche de' cardinali della Santa Romana Chiesa. Roma : Stamperia Pagliarini, 1793, Vol. III, pp. 136–137 (on-line)
  • Gaetano Moroni, "CAPRANICA Angelo, Cardinale". In: Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica, Venezia: Tipografia Emiliana, 1841, Vol. IX, p. 213-4 (on-line)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Manfredonia Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Mattia Foschi 17 marzo 1438 - 5 maggio 1447 Basilio Bessarione
(Amministratore apostolico)
Predecessore Vescovo di Ascoli Piceno
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Valentino da Narni 5 maggio 1447 - 25 settembre 1450 Francesco Monaldeschi
Predecessore Vescovo di Rieti
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Mattia Foschi 25 settembre 1450 - dicembre 1468 Domenico Camisati
Predecessore Cardinale presbitero di Santa Croce in Gerusalemme Successore CardinalCoA PioM.svg
Domenico Capranica 26 marzo 1460 - 3 luglio 1478
Titolo presbiterale in commendam dall'11 dicembre 1472
Pedro González de Mendoza
Predecessore Cardinale vescovo di Palestrina Successore CardinalCoA PioM.svg
Alain de Coëtivy 11 dicembre 1472 - 3 luglio 1478 Marco Barbo
Predecessore Vescovo di Fermo
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Nicola Capranica 9 aprile 1473 - 17 giugno 1474 Girolamo Capranica
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie