Angelo Acciaiuoli (cardinale)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Acciaiuoli
cardinale di Santa Romana Chiesa
Coa fam ITA acciaioli.jpg
Nato 1340, Firenze
Creato cardinale 17 dicembre 1384 da papa Urbano VI
Deceduto 1408, Pisa

Angelo Acciaiuoli, detto Angelo Acciaioli junior (Firenze, 1340Pisa, 1408), fu arcivescovo di Firenze dal 1383 al 1387[1] e cardinale.

Proveniva dalla rinomata famiglia fiorentina degli Acciaiuoli[2] ed era figlio di Jacopo e di Bartolomea Ricasoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A soli 27 anni, nel 1375, divenne vescovo di Rapolla su invito di papa Gregorio XI.

Il 3 giugno 1383 fu nominato vescovo di Firenze, venendo consacrato dal nuovo papa Urbano VI. Il suo vicario generale fu Francesco Zabarella, in seguito pure lui vescovo e cardinale.

Vissuto in un periodo di scontri tra il papa e l'antipapa Clemente VII, sostenne sempre il papa legittimo, il quale lo ritenne sempre un uomo di fiducia (mentre il suo predecessore, Angelo Ricasoli era stato deposto dal pontefice proprio per la sua vacillante fedeltà), tanto che il 17 dicembre 1384 fu nominato cardinale-prete con il Titolo di San Lorenzo in Damaso per i meriti acquisiti nella liberazione e la fuga del pontefice dall'assedio di Nocera.

Per via di questa nomina, con dispiacere dell'interessato che per ben due anni si rifiutò di cedere l'incarico, Angelo fu sollevato dalla sede vescovile fiorentina e al suo posto fu nominato Bartolomeo Uliari.

Nel 1397 optò per il titolo di cardinale-vescovo delle sedi suburbicarie di Ostia e di Velletri.[3] Nel 1404 fu nominato arciprete della Basilica di San Pietro in Vaticano e nel giugno del 1405 divenne Decano del Sacro Collegio.

Dopo la sua morte, la salma fu inizialmente inumata nella Cattedrale di Pisa e successivamente traslata nella Certosa di Firenze, nella cappella della cripta dedicata a Sant'Andrea.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Angelo Acciaoli partecipò ai seguenti conclavi:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La sua figura va distinta dal vescovo Angelo Acciaioli senior.
  2. ^ La famiglia degli Acciaiuoli, oltre al precedente, omonimo vescovo di Firenze Angelo Acciaioli senior, darà altri due cardinali alla Chiesa Cattolica: Niccolò Acciaiuoli (1630 – 1719), cardinale dal 1669, e Filippo Acciaioli (1700 – 1766), nipote di Niccolò, cardinale dal 1759.
  3. ^ Le sedi suburbicarie di Ostia e di Velletri erano destinate al Cardinal Decano del Sacro Collegio, tuttavia l'Acciaoli lo divenne solo otto anni dopo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • La chiesa fiorentina, Curia arcivescovile, Firenze 1970.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Successioni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Rapolla Successore BishopCoA PioM.svg
Benedetto Cavalcanti 1375 - 1383 Nicolò
Predecessore Vescovo di Firenze Successore BishopCoA PioM.svg
Angelo Ricasoli 1383 - 1387 Bartolomeo Uliari
Predecessore Cardinale presbitero dei San Lorenzo in Damaso Successore CardinalPallium PioM.svg
Bartolomeo di Coturno, O.F.M.
1381-1386
1386 - 1397 vacante fino al 1409
Predecessore Decano del Sacro Collegio Successore CardinalPallium PioM.svg
Pietro Pileo da Prata
1397-1400
1405 - 1408 Enrico Minutolo
1408-1409
Predecessore Arciprete della Basilica Vaticana Successore CardinalCoA PioM.svg
Cristoforo Maroni
13971404
1404 - 1408 Antonio Calvi
1408 - 1411