Anello vaginale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Un anello vaginale

L'anello vaginale è uno strumento di contraccezione ormonale per uso vaginale. Ogni anello contiene una piccola quantità di due ormoni sessuali femminili, cioè etonogestrel e etinilestradiolo, che vengono rilasciati nella circolazione sanguigna, prevenendo l'ovulazione[1]. Poiché le quantità di ormoni rilasciate sono basse, l'anello vaginale viene considerato un contraccettivo ormonale a basso dosaggio, con efficacia paragonabile a quella delle pillole di ultima generazione[2]. Inoltre, a differenza della pillola, l'efficacia dell'anello rimane inalterata in caso di disturbi gastrointestinali (vomito e diarrea) o in caso di assunzione concomitante di antibiotici ad ampio spettro [3]. Inoltre si riduce drasticamente il rischio di gravidanze indesiderate dovute alla dimenticanza dell'assunzione quotidiana della pillola [4]

Il dispositivo è costituito da copolimero di Etilene Vinil Acetato (materiale atossico e anallergico), un tipo di plastica che non si scioglie nel corpo, ha un diametro di 54 mm e uno spessore di 4 mm, è flessibile, trasparente e quasi incolore.Un anello fornisce protezione contraccettiva per un mese mediante inibizione dell'ovulazione. L'anello può essere facilmente inserito e rimosso dalla donna stessa. Dopo l'inserzione l'anello deve rimanere inserito per 3 settimane, seguite da un intervallo libero.

Uso e vantaggi[modifica | modifica sorgente]

A differenza del diaframma nei primi tempi dell'uso, o della Spirale intrauterina, il dispositivo può essere inserito o rimosso autonomamente dalla donna in modo abbastanza semplice, consente un ottimo controllo del ciclo [5], ha un dosaggio ormonale più basso rispetto a pillola e cerotto [6], ha un effetto neutrale sul peso corporeo [7] ed è efficace anche nelle donne in sovrappeso o obese [8] È comunque necessario consultare il medico per ricevere informazioni sull'uso dell'anello al suo primo utilizzo.[2]

L'anello deve essere inserito nel giorno appropriato del ciclo mestruale e lasciato in vagina per tre settimane consecutive, durante le quali il dispositivo rilascia gli ormoni in modo continuo. Dopo la terza settimana l'anello va tolto per una settimana, durante la quale si verifica la mestruazione. A distanza di una settimana è possibile riposizionare l'anello in vagina[2]. Infatti, l’anello deve sempre essere inserito e rimosso lo stesso giorno della settimana: se è stato inserito di mercoledì, deve essere rimosso 3 settimane dopo, nuovamente di mercoledì.

Per poter essere inserito, l’anello deve essere compresso tra il pollice e l’indice e inserito in vagina in una posizione confortevole. L’anello non richiede di essere posizionato intorno al collo dell’utero cervice[2]. La forma circolare e la flessibilità dell’anello consentono una buona ritenzione, minimizzando il rischio di espulsione, durante le tre settimane in cui l'anello è inserito, infatti, le pareti della vagina tendono a tenerlo fermo nella posizione con cui è stato inserito. L’anello si può facilmente rimuovere agganciando il dito indice all’anello o afferrandolo tra l’indice e il medio e tirandolo fuori.

L'anello viene lasciato nella sua posizione all'interno della vagina durante i rapporti sessuali, e la maggior parte delle coppie non risente di interferenze o scomodità; anzi, in molti casi nessuno dei due partner si accorge della sua presenza. Comunque, nel caso la donna o la coppia lo preferisse l'anello può essere rimosso durante il rapporto sessuale per un periodo massimo di 3 ore e poi reinserito tranquillamente [1].

Svantaggi e precauzioni[modifica | modifica sorgente]

In rari casi può accadere che l'anello venga espulso dalla vagina. Se l'anello resta per più di tre ore all'esterno, l'efficacia contraccettiva non è più garantita al 100%.[1]

Come per la pillola l'assunzione di alcuni farmaci può interferire con l'efficacia contraccettiva dell'anello; in tal caso consultare un medico [2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Possible Side Effects and Risks in nuvaring.com. URL consultato il 24-02-2010.
  2. ^ a b c d e Fonte: AIED
  3. ^ [Absence of Pharmacokinetic Interactions of the Combined Contraceptive Vaginal Ring NuvaRing with Oral Amoxicillin or Doxycycline in Two Randomised Tlsria. Dogterom et al.; Clin Pharmacokinet 2005; 44 (4): 429-438]
  4. ^ [ref Attitudes, Awareness, Compliance and Preferences among Hormonal Contraception Users.A Global, Cross-Sectional, Self-Administered, Online Survey. Hooper et al.; Clin Drug Investig 2010; 30 (11): 749-763Brucker et al.; The European Journal of Contraception and Reproductive Health Care March 2008;13(1):31–38; Merki-Feld et al.; The European Journal of Contraception and Reproductive Health Care September 2007;12(3):240–247]
  5. ^ [Effects on cycle control and bodyweight of the combined contraceptive ring, NuvaRing, versus an oral contraceptive containing 30 mg ethinyl estradiol and 3mg drospirenone. Milsom et al.; Human Reproduction Vol.21, No.9 pp. 2304–2311, 2006; Comparison of cycle control with a combined contraceptive vaginal ring and oral levonorgestrel/ethinyl estradiol. Bjarnadóttir et al.; Am J Obstet Gynecol 2002;186:389-95]
  6. ^ [Comparison of ethinylestradiol pharmacokinetics in three hormonalcontraceptive formulations: the vaginal ring, the transdermal patch and an oral contraceptive.Van den Heuvel et al; Contraception 72 (2005) 168– 174]
  7. ^ [Milsom et al 2005]
  8. ^ [Westhoff 2005]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina