Androgeo (Eneide)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Androgeo è un personaggio dell'Eneide citato nel secondo libro.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Androgeo è uno dei tanti condottieri achei che assediano Troia nella decennale guerra scoppiata in seguito al ratto della spartana Elena da parte di Paride. Muore con tutti i soldati del suo drappello durante la presa della città. Imbattutisi nei compagni di Enea, li scambiano tragicamente per commilitoni; si accorgono dell'errore quando ormai è troppo tardi, e vengono facilmente abbattuti. Corebo e Dimante, due compagni di Enea, spoglieranno Androgeo delle sue armi.

Omonimia[modifica | modifica wikitesto]

Questo Androgeo non va confuso con un altro mitologico personaggio con tale nome, figlio di Minosse.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]