Andrias japonicus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Salamandra gigante giapponese
Cryptobranchus japonicus.jpg
Andrias japonicus
Stato di conservazione
Status iucn3.1 NT it.svg
Prossimo alla minaccia (nt)[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Amphibia
Ordine Caudata
Famiglia Cryptobranchidae
Genere Andrias
Specie A. japonicus
Nomenclatura binomiale
Andrias japonicus
Temminck, 1837
Sinonimi

Triton japonicus

La salamandra gigante giapponese (Andrias japonicus) è endemica del Giappone, dove è nota come Ōsanshōuo (オオサンショウウオ/大山椒魚?). Con una lunghezza di quasi 1,5 metri[2] è la seconda salamandra più grande del mondo, essendo superata solamente dalla molto simile e strettamente imparentata salamandra gigante cinese (A. davidianus).

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

La salamandra gigante giapponese, vivendo solamente in torrenti con acque limpide e fredde, è un animale completamente acquatico e notturno. Se minacciata, può secernere una sostanza dall'aspetto lattiginoso con un forte odore di zenzero (da cui il nome volgare della specie in lingua giapponese). Ha una vista molto scarsa e per questo motivo fa affidamento su speciali noduli sensitivi posti sulla sua fronte per individuare perfino il minimo movimento nell'acqua. Si nutre soprattutto di insetti, rane e pesci. Avendo un metabolismo molto basso ed essendo priva di competitori naturali, è una specie longeva; il record appartiene ad un esemplare che visse al Natura Artis Magistra, nei Paesi Bassi, per 52 anni[2].

Una salamandra gigante giapponese in cattività.
Andrias japonicus cranio

Storia[modifica | modifica sorgente]

La salamandra gigante giapponese venne scoperta per la prima volta dagli europei quando un fisico residente sull'isola di Dejima, nei pressi di Nagasaki, Philipp Franz von Siebold, ne catturò un esemplare e lo spedì a Leida, nei Paesi Bassi, negli anni 1820.

Ciclo vitale[modifica | modifica sorgente]

Il ciclo vitale somiglia a quello degli altri Urodeli, ad eccezione del fatto che la specie non si trasferisce sulla terraferma, ma continua la vita acquatica anche nell'età adulta. Gli animali compiono migrazione anadroma, risalendo i corsi d'acqua sino alle montagne per accoppiarsi e deporre le uova, che sono le più grandi tra quelle degli anfibi. Dalle uova escono delle larve acquatiche e branchiate, che si trasformeranno poi in adulti.

Minacce e Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

La specie abita i torrenti e i fiumi delle isole di Kyushu, Honshu, e Shikoku in Giappone. In passato era oggetto di pesca e ricercata come cibo; attualmente la sua pesca è vietata. Ciononostante la salamandra gigante del Giappone è minacciata dall'inquinamento delle acque, dalla perdita dell'habitat, dovuta tra l'altro dalle modifiche dei torrenti e dalla costruzione di dighe, e dall'eccessivo numero di catture. L'IUCN la considera una specie quasi minacciata, ed è inclusa nell'Appendice I della CITES Appendix I.[3].


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Andrias japonicus in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.
  2. ^ a b Andrias japonicus - Amphibiaweb
  3. ^ Japanese giant salamander. ARKive. Retrieved 2008-09-19.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anfibi Portale Anfibi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anfibi