Andrej Končalovskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Andrey Konchalovskiy)
Andrej Sergeevič Michalkov-Končalovskij

Andrej Sergeevič Michalkov-Končalovskij (rus. Андрей Сергеевич Михалков-Кончаловский; Mosca, 20 agosto 1937) è uno sceneggiatore, regista e produttore cinematografico russo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Fratello del regista Nikita Michalkov e figlio dello scrittore Sergej Michalkov, da giovane pensò di seguire la carriera di musicista e imparò a suonare il piano, ma poi la passione per il cinema prevalse e si iscrisse alla scuola VGIK diretta allora da Michail Romm. Qui incontrò Andrej Tarkovskij e insieme collaborarono al film L'infanzia di Ivan.

Iniziò come sceneggiatore, poi si dedicò al cortometraggio per il quale fu premiato al festival di Venezia con Il ragazzo e la colomba. Ispirata ad un racconto di Čingiz Ajtmatov, Džamilja, crea la sua prima opera di regista Il primo maestro, in cui riemerge l'ambiente russo all'indomani della Rivoluzione russa. Il suo secondo film, uscito nel 1968, ha per titolo La felicità di Asja censurato per un certo realismo sulla vita nei kolchoz.

La svolta avviene nel 1971 con il pluripremiato "Zio Vanja", interpretato magistralmente dal noto attore sovietico, Innokenti Smoktunovskij, che dandogli fiducia, lo aiuta appunto ad emergere e a distinguersi nell'ambito di una realtà cinematografica delle dimensioni, per numero e qualità delle produzioni, immensa, qual è quella dell'URSS.

Negli anni successivi dirige Romanza degli innamorati che gli diede una nomination al Festival Internazionale del cinema di Karlovy Vary. Esce poi Siberiade in cui si denuncia la drammatica vita della popolazione in Siberia.

Negli anni ottanta si trasferisce negli Stati Uniti dove dirige film di successo: Maria's Lovers, A 30 secondi dalla fine, Homer and Eddy, Tango & Cash. Tornato in patria ha diretto Asja e la gallina dalle uova d'oro.

Molto vasta è la filmografia di Michalkov-Končalovskij: Duet for One con Julie Andrews (1986), l'Odissea per la TV nel 1997, Kurosawa: l'ultimo imperatore (1999), interprete lui stesso, Il leone d'inverno del 2003.

Vince il Leone d'Argento a Venezia nel 2014 con The Postman’s White Nights.[1][2]

Filmografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Venezia, Leone d’oro a Roy Andersson. Coppa Volpi a Alba Rohrwacher, internazionale.it, 6 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.
  2. ^ I vincitori del festival di Venezia, ilpost.it, 6 settembre 2014. URL consultato il 7 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 4903670 LCCN: n/78/33069