Andrej Bolkonskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrej Bolkonskij
Saga Guerra e pace
Lingua orig. Russo
Autore Lev Tolstoj
Interpretato da
Voce italiana Stefano Sibaldi (in Guerra e pace del 1956)
Sesso Maschio
Etnia russo
Professione aiutante di campo
Parenti

Il principe Andrej Nikolaevič Bolkonskij è uno dei personaggi principali del romanzo Guerra e pace di Lev Tolstoj.

Ruolo nella storia[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della vicenda il principe Andrej Bolkonskij, intelligente e sarcastico marito dell'affascinante Lise, non trova soddisfazione nella vita coniugale, preferendo svolgere il ruolo di aiutante di campo del generale Michail Illarionovič Kutuzov nella guerra che verrà intrapresa entro breve contro Napoleone Bonaparte. Per questo i due coniugi hanno pure una seria discussione, alla quale assiste Pierre Bezuchov, ma nonostante cio' decide comunque di partire, e durante la sua assenza decide di lasciare sua moglie incinta al padre e a sua sorella Mar'ja Bolkonskaja.

Il principe Andrej rimane gravemente ferito durante la sua prima esperienza guerresca nella battaglia di Austerlitz. Insieme ad altri feriti, Andrej viene curato al posto di medicazione francese, dove avrà un breve scambio di battute con l'Imperatore. Quando ritorna in licenza ormai ripreso, vede sua moglie morire di parto, ma il bambino, Nikolen'ka, sopravvive.

Passati alcuni anni, decide, in seguito a profonde riflessioni, di dedicarsi all'amministrazione delle sue proprietà; è in questo periodo che comincia a frequentare la casa dei Rostov e durante un ballo si innamora, ricambiato, della giovane Nataša. Amore osteggiato dal vecchio padre di lui, la cui reticenza fa decidere al principe Andrej di separarsi per un anno da Nataša, affinché il loro amore si consolidi. Durante la sua assenza Hélène e suo fratello Anatole tramano per far sì che quest'ultimo seduca e disonori la giovane e bella Nataša. Quest'ultima si invaghisce del giovane, ma il piano fallisce; Andrej, venutone a conoscenza, ripudia Nataša, che cade in una profonda depressione; tuttavia, per Pierre, è causa di un importante incontro con la giovane Rostova.

Prende la decisione di combattere nuovamente nella guerra contro Napoleone e, durante la battaglia di Borodino viene colpito da una granata, rimanendo gravemente ferito. Viene ricondotto a Mosca, dove Sonja, la cugina di Nataša, lo riconosce e lo conduce nella sua casa. Sebbene Nataša lo assista costantemente, le ferite sono troppo serie e la morte è ormai inevitabile per il principe Andrej.

Analisi del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Così come un altro personaggio fondamentale del libro, Pierre Bezuchov, il principe Andrej affronta un lungo cammino spirituale, che alla fine lo porterà a una illuminazione finale. Infatti è inizialmente attratto dalla gloria militare, dopodiché passa a uno stadio di scetticismo per poi rinascere con l'amore di Nataša, ma solo con la morte raggiunge quel grado di elevazione dell'anima che lo completerà.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]