Andrej Andreevič Voznesenskij

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Andrej Andreevič Voznesenskij, in russo: Андрей Андреевич Вознесенский? (Mosca, 12 maggio 1933Mosca, 1º giugno 2010), è stato un poeta russo.

Voznesenskij dal 2008

Laureato in architettura, scoprì, alla fine degli anni cinquanta del ventesimo secolo, la sua passione per la poesia. Fin dal 1958 si fece interprete, attraverso i suoi versi, del disagio e delle passioni delle giovani generazioni, sia nella ricerca di ideali da vivere, sia nella forma linguistica più appropriata e più moderna nell'esporli.

Dal 1958 cominciò, insieme ad Evgenij Evtušenko, a pubblicare poesie che ebbero riconoscimenti anche da Pasternak e Cvetaeva.

Nel 1978 fu insignito del Premio Lenin. È stato più volte in Italia, in particolare nel fiorentino cui ha anche dedicato una poesia.

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • Mosaici, raccolta di poesie del 1960
  • Parabola, raccolta di poesie del 1961
  • Gli artigiani, poema
  • La pera irregolare, liriche del 1962
  • Antimondi, raccolta del 1963
  • Scrivo come amo, raccolta di poesie
  • L'ombra del suono, raccolta del 1970
  • Sguardo: poesie e poemi, poesie del 1972
  • Il cuore di Achille
  • Giunone è il pavone, commedia del 1981

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 14911804 LCCN: n/50/82201