Andrej Andreevič Romanov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il principe Andrej Andreevič Romanov (Londra, 21 gennaio 1923) è membro della famiglia imperiale.

È il figlio più giovane del principe Andrej Aleksandrovič Romanov (1897-1981) e della sua prima moglie Elisabetta Sasso-Ruffo (1886-1940); era nipote della granduchessa Ksenija Aleksandrovna Romanova, sorella dell'ultimo zar Nicola II di Russia[1], ed ebbe per padrino di battesimo lo zio Edoardo VIII del Regno Unito[2]. Passò la propria infanzia in un cottage al Castello di Windsor[3].

Il Principe Andrej fu educato all'Imperial Service College e servì nella Royal Navy durante la Seconda guerra mondiale. Nel 1949 lasciò la Gran Bretagna per gli Stati Unitidove per un periodo come carpentiere[4]. Divenne cittadino degli Stati Uniti il 20 dicembre 1954[1].

Vive a Marin County, in California e ha scritto una propria autobiografia dal titolo The Boy Who Would Be Tsar, illustrata con dei disegni di sua mano. Le sue opere artistiche sono state in mostra in varie esposizioni nel mondo.

Il principe Andrej si è sposato tre volte.La prima, nel 1951, con Elena Dourneva (n. 1927), da cui ha divorziato nel 1959 e hanno avuto un figlio:

  • Principe Alexis Andreevič Romanov (n. 1957)

Il secondo matrimonio, nel 1961, fu con Kathleen Norris (1935-1967), da cui ebbe due figli:

  • Principe Peter Andreevič Romanov (n. 1961)
  • Principe Andrew Andreevič Romanov (n. 1963)

Attualmente è sposato con Inez von Bachelin (n. 1933).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Darryl Lundy, The Peerage. URL consultato il 3 ottobre 2007.
  2. ^ John van der Kiste, Coryne Hall, Once A Grand Duchess, Sutton Publishing, 2004, p. 209. ISBN 0750935219.
  3. ^ Kristin Farr, Art Review : Andrew Romanoff: The Boy Who Would Be Tsar, 5 febbraio 2007. URL consultato il 3 ottobre 2007.
  4. ^ Paul Liberatore, Liberatore at Large: Shrinky Dink autobiography tells storybook life of Russian prince in Inverness, 22 gennaio 2007. URL consultato il 3 ottobre 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]