Andrea Scanzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Scanzi

Andrea Scanzi (Arezzo, 6 maggio 1974[1]) è un giornalista e saggista italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Diplomato al Liceo Scientifico, si laurea in Lettere moderne 2000 con una tesi sui cantautori. È giurato al Club Tenco e Direttore Artistico del Premio Pigro Ivan Graziani.

Appassionato di vino e cucina, è sommelier e degustatore ufficiale (Ais), oltre che assaggiatore di formaggi (Onaf).

Aretino di nascita, vive a Cortona.

Giornalismo[modifica | modifica sorgente]

Ha scritto per Il Mucchio Selvaggio, il manifesto, Il Riformista, L'Espresso e Panorama, prima di passare, nel 2005, a La Stampa. Nell'estate del 2011 approda a Il Fatto Quotidiano. Si occupa di politica, attualità, cultura, costume, musica, vino e sport.

Scanzi nel 2012 a teatro

Saggistica[modifica | modifica sorgente]

Nel 2007 scrive "Elogio dell'invecchiamento, alla scoperta dei 10 migliori vini italiani (e di tutti i trucchi dei veri sommelier)", giunto alla terza edizione. L'anno seguente pubblica "Ve lo do io Beppe Grillo", poi aggiornato e ristampato nel 2012, con prefazione di Marco Travaglio.

Teatro[modifica | modifica sorgente]

E' autore e interprete dello spettacolo Gaber se fosse Gaber, patrocinato dalla Fondazione Gaber, che ha attraversato i teatri d'Italia dal 2011 al 2013. Nel settembre 2012 ha esordito con un secondo spettacolo teatrale, Le cattive strade, con Giulio Casale, dedicato a Fabrizio De André.

TV[modifica | modifica sorgente]

Scanzi è spesso ospite in programmi giornalistici in qualità di opinionista, soprattutto su LA7. Su La3 conduce, dal 2012, il programma di interviste Reputescion, in cui analizza la reputazione degli ospiti sulla rete. [2]

Nel 2014 ha recitato nel sesto episodio della seconda stagione di Mario, intitolato, per l'occasione, A Scanzi di equivoci.[3]

Opinioni politiche[modifica | modifica sorgente]

In occasione delle Elezioni politiche italiane del 2013 ha dichiarato di votare il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo.[4].

Opinioni su Scanzi[modifica | modifica sorgente]

Gianni Mura nel 2003 disse di lui: "il migliore della nostra tribù, in relazione all'età". Edmondo Berselli ha scritto: "A proposito di allievi, avevo nominato mio discepolo, almeno a titolo morale, anche Andrea Scanzi, il boy di Arezzo, autore fra altre robette gaberiane e beppegrilliste di un eccitante e spiritoso Elogio dell'invecchiamento, dedicato alla cultura del vino, ma ormai è troppo cresciuto e affermato, e quindi allievo un corno, al massimo lo eleggo compagno di merende".

Opere[modifica | modifica sorgente]

Teatro[modifica | modifica sorgente]

Premi[modifica | modifica sorgente]

  • 2002 - Premio Sporterme
  • 2005 - Premio Coni - Letteratura Sportiva
  • 2010 - Premio Durruti
  • 2010 - Premio Abruzzo Wine
  • 2012 - Premio Internazionale Cilea Giornalismo e Cultura
  • 2012 - Premio Nazionale Paolo Borsellino
  • 2013 - Premio Lunezia
  • 2013 - Miglior Giornalista Italiano su Twitter (Tweet Awards)
  • 2013 - Miglior Opinionista Tivù dell'anno

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andrea Scanzi, Chi sono, andreascanzi.it. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  2. ^ REPUTESCION, QUANTO VALI SUL WEB?, la3tv.it, 22 febbraio 2013. URL consultato il 4 marzo 2013.
  3. ^  A Scanzi di equivoci - Backstage. MTV. URL consultato in data 10 giugno 2014.
  4. ^ Elezioni 2013 - Per chi votano Travaglio, Guzzanti, Scanzi, ecc. Tra Rivoluzione Civile e il Movimento 5 Stelle

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]