Andrea Romeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo arbitro di calcio italiano, vedi Andrea Romeo (arbitro).
Andrea Romeo al Biografilm Festival 2009

Andrea Romeo (Padova, 27 marzo 1974) è un giornalista e critico cinematografico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Inizia la sua attività nel 1992 scrivendo per Il Mattino di Padova, con cui collabora fino al 1995. Nel 1993 si iscrive al DAMS di Bologna e inizia la collaborazione con Cuore, settimanale satirico"di resistenza umana" diretto da Michele Serra. Nel 1995 diventa giornalista pubblicista[1] ed è, per 5 anni, direttore responsabile della rivista cinematografica Voci Off, cui collaborano molti altri giovani critici bolognesi come Roy Menarini, Sergio Fant, Andrea Meneghelli. Numerose le sue collaborazioni, nel corso degli anni, con periodici e riviste, tra cui GQ, Ciak, Tutto Musica & Spettacolo, Art Lab.

Dal 1998 all'attività giornalistica si affianca quella di programmatore di eventi culturali: proprio di quell'anno, infatti, è la prima edizione del Future Film Festival, primo festival italiano dedicato al cinema d'animazione e alle nuove tecnologie. Romeo ne è fondatore insieme a Giulietta Fara, e lo dirigerà fino al 2002. Nel 2003 fonda The Culture Business, società di consulenza e servizi integrati per il cinema di cui è direttore. Nel corso dei primi cinque anni di attività, The Culture Business ha collaborato alla fondazione del Telefilm Festival di Milano, del Gender Bender di Bologna, ha organizzato centinaia di eventi per le maggiori case di distribuzione cinematografica italiane.

Nel 2005 Andrea Romeo ha fondato il Biografilm Festival – International Celebration of Lives, primo evento mondiale dedicato alle biografie ed ai racconti di vita, di cui è tuttora direttore artistico. Dal 2008 è general manager di Festival of festivals, congresso italiano dedicato al settore degli eventi culturali la cui prima edizione si è svolta a Bologna dal 6 al 9 novembre 2008.

Nel 2013 fonda la I Wonder Pictures con cui distribuisce in Italia numerosi documentari tra cui Searching for Sugar Man di Malik Benjelloul, The Act of Killing di Joshua Oppenheimer, Stop the Pounding Heart di Roberto Minervini, The Unknown Known di Errol Morris.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Annuario dei giornalisti italiani, Ordine dei Giornalisti, p. 1224. URL consultato il 10-1-2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Giulietta Fara, Andrea Romeo, Vita da pixel, Editrice Il Castoro, 2000, ISBN 88-8033-162-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]