Andrea Palma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Duomo di Siracusa

Andrea Palma (Trapani, 1644 o forse 1664 – Palermo, 1730) è stato un architetto, ingegnere pittore e religioso italiano, fu uno dei protagonisti del barocco siciliano tra XVII e XVIII secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Come molti protagonisti del barocco siciliano fu un religioso: era infatti un frate domenicano. Studiò pittura e architettura all'interno dell'ordine e fu collaboratore di Paolo Amato.

Lavorò soprattutto a Palermo, dove fu architetto del Senato. Tra le sue opere il completamento della chiesa di Sant'Ignazio all'Olivella e gli apparati decorativi della chiesa di Santa Maria in Valverde, dell'oratorio delle Dame, della chiesa di San Sebastiano e della chiesa del Salvatore, caratterizzati da riquadri architettonici a carattere illusionistico che racchiudono scene pittoriche dipinte da collaboratori. Fu architetto del senato di Palermo dal 1714, e alla sua morte lo divenne il nipote, Nicolò Palma.

La sua opera più conosciuta è comunque la facciata del duomo di Siracusa realizzata in sostituzione di quella rinascimentale distrutta dal terremoto, a seguito di un concorso vinto nel 1728,[1] e conformata sull'esempio della facciata di Santa Maria a Campitelli a Roma.[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Boscarino, Sul restauro architettonico: saggi e note, 1999, ISBN 88-464-1301-6, pag.66
  2. ^ Rudolf Wittkower, Arte e architettura in Italia. 1600-1750,1972, pag.447

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Architettura Portale Architettura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Architettura