Andrea Carlo Ferrari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Carlo Ferrari
cardinale di Santa Romana Chiesa
Andrea Carlo Ferrari - Photo.jpg
Stemmacf.jpg
Tu fortitudo mea
Incarichi ricoperti Vescovo di Guastalla
Vescovo di Como
Arcivescovo di Milano
Nato 13 agosto 1850, Lalatta
Consacrato vescovo 1890, Duomo di Guastalla
Consacrato arcivescovo 21 maggio 1894, Duomo di Milano
Creato cardinale 18 maggio 1894 da papa Leone XIII
Deceduto 2 febbraio 1921, Milano
Beato Andrea Carlo Ferrari

Arcivescovo di Milano

Nascita Lalatta, 13 agosto 1850
Morte Milano, 2 febbraio 1921
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione 10 maggio 1987 da papa Giovanni Paolo II
Ricorrenza 2 febbraio

Andrea Carlo Ferrari (Lalatta di Palanzano, 13 agosto 1850Milano, 2 febbraio 1921) è stato un arcivescovo cattolico e cardinale italiano della Chiesa cattolica. Vescovo di Como, arcivescovo di Milano dal 1894 al 1921, fu proclamato beato da papa Giovanni Paolo II nel 1987.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Carlo Ferrari nacque a Lalatta, località nel comune di Palanzano (PR), da una famiglia di modeste condizioni economiche, figlio di Giuseppe Ferrari e di sua moglie, Maddalena Longarini.

Accolto presso il seminario di Parma, il 20 dicembre 1873 fu ordinato sacerdote dal vescovo Domenico Maria Villa, celebrando la prima messa il giorno successivo nel santuario della Madonna di Fontanellato, alla quale rimase sempre molto legato. Rimase a lungo nella diocesi di Parma come delegato apostolico a Mariano dal febbraio del 1874 e poi come coadiutore dell'arciprete di Fornovo di Taro dal 4 luglio 1874. Vice curato della chiesa parmense di San Leonardo dal 1875, in quello stesso anno divenne vicerettore del seminario di Parma nonché professore di fisica e matematica. Nominato rettore del medesimo istituto nel 1877, occupò le cattedre di teologia dogmatica, storia ecclesiastica e teologia morale dal 1878. Nel 1885 Ferrari pubblicò l'opera dal titolo "Summula theologiae dogmaticae generalis", un libro ristampato in molte edizioni e che divenne uno dei testi di teologia dogmatica più diffusi alla fine dell'Ottocento. Nel 1879 fu promosso canonico ordinario a Parma.

Vescovo a Guastalla e a Como[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 maggio 1890 venne eletto vescovo di Guastalla venne consacrato il 29 giugno di quello stesso anno nella chiesa delle religiose del Sacro Cuore di Villa Lante a Roma, ad opera del cardinale Lucido Maria Parocchi, vescovo di Albano e vicario generale di Roma, assistito da Vincenzo Leone Sallua, arcivescovo titolare di Calcedonia, commissario generale del tribunale dell'inquisizione, e da Giovanni Maria Maioli, vescovo di Urbania-Sant'Angelo in Vado. Prese possesso ufficiale della diocesi di Guastalla il 3 ottobre 1890 facendo il suo ingresso nella cattedrale.

Appena un anno dopo, il 29 maggio 1891, venne trasferito alla Diocesi di Como sempre come vescovo, iniziando anche qui una campagna di visite pastorali sull'esempio delle molte che condurrà poi nella sua lunga carriera di pastore.

Arcivescovo a Milano[modifica | modifica wikitesto]

Dopo tre anni a Como, improvvise gli giunsero nel maggio 1894, da parte di papa Leone XIII, la nomina a cardinale e la promozione alla sede arcivescovile di Milano, succedendo allo scomparso Luigi Nazari di Calabiana al quale era legato da profonda amicizia.

A Milano la sua missione fu, sulla scia di Carlo Borromeo (di cui decise di assumere anche il nome), di "conservare la fede" attraverso la predicazione ma soprattutto attraverso la catechesi. Sotto la sua guida si arrivò, nel 1896, alla preparazione del testo unico di catechismo dell'Episcopato Lombardo-Piemontese che, in sostanza, rappresenta l'ultima tappa del percorso che portò alla pubblicazione del Catechismo di Pio X. Per quanto riguarda l'educazione cristiana dei giovani, volle l'istituzione presso ogni parrocchia di un oratorio sia maschile sia femminile, e affrontò il problema dell'insegnamento della religione cattolica nelle scuole elementari.

L'impegno del cardinal Ferrari si distinse nelle visite pastorali in tutte le oltre 800 parrocchie dell'arcidiocesi, in cui si mostrò particolarmente attento a cogliere le istanze sociali di quel periodo particolarmente difficile per i ceti "umili" della popolazione lombarda.[1]

Prestò, poi, sul piano pastorale una particolare attenzione ai problemi del laicato e del suo ruolo all'interno della Chiesa. In un'epoca in cui ciò era estremamente innovativo suscitò molte diffidenze negli ambienti curiali, che formularono un'esplicita accusa di modernismo. Per cinque anni non fu ricevuto da papa Pio X (ma i due ebbero un parziale riavvicinamento alla fine del pontificato). Solo la nomina del nuovo papa, Benedetto XV, e il clima di emergenza fatto sorgere dallo scoppio del conflitto mondiale tolse il cardinal Ferrari dall'isolamento all'interno della Chiesa, in cui il gruppo di cardinali a lui avverso l'avevano confinato.

Tomba del card. Ferrari nel Duomo di Milano
Particolare del corpo

Sempre a Milano, celebrò dei sinodi diocesani che nel capoluogo non si tenevano dal 1867, rispettivamente nel 1902, 1910 e 1914, mentre nel 1906 organizzò il Concilio Provinciale. Predispose inoltre l'istituzione di diversi congressi come quello eucaristico (1-5 settembre 1895), il XV Congresso della Musica Sacra (che fece conoscere il talento del giovane Lorenzo Perosi). Celebrò le feste per il XV centenario della morte di Sant'Ambrogio nel 1897 e celebrò solennemente il cinquantesimo anniversario del Dogma dell'Immacolata nel 1904, e delle apparizioni di Lourdes nel 1908. Nel 1910 organizzò le festività per il terzo centenario della canonizzazione di Carlo Borromeo, celebrando per l'occasione un nuovo sinodo ed un congresso eucaristico sull'opera del santo milanese.

Nel 1912 promosse la fondazione di un nuovo quotidiano che sostituisse L'Unione. Il nuovo organo d'informazione si chiamò L'Italia. Nel 1913 promosse le "settimane costantiniane", a ricordo del XVI centenario dell'editto di Costantino che venne pubblicato proprio a Milano nel 313 e che concesse la libertà di culto ai cristiani nell'Impero romano.

Fondò inoltre l'«Opera cardinal Ferrari», che si distinse per attività a favore di tutti i ceti della popolazione.

Il cardinal Ferrari fu insignito del cavalierato di gran croce dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

Colpito da un tumore alla gola, morì nel 1921.

Il clima di ostilità degli ambienti curiali romani, parzialmente perdurato anche in seguito, trovava contrapposto il tributo di ammirazione della Chiesa ambrosiana, in una dicotomia di giudizi che si venne a sciogliere solo con il nuovo clima del Concilio dove emerse quanto il cardinal Ferrari avesse anticipato i temi della riforma della Chiesa.

Il pieno riconoscimento lo si ebbe quando fu proclamato beato da papa Giovanni Paolo II il 10 maggio 1987. Gli è stata dedicata una chiesa di Legnano, in provincia di Milano.

Conclavi[modifica | modifica wikitesto]

Partecipò ai conclavi del 1903 e del 1914, che elessero papi rispettivamente il cardinale Giuseppe Sarto (papa Pio X) e il cardinale Giacomo della Chiesa (papa Benedetto XV).

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.
Ultima foto scattata al cardinale nel 1920

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Successione apostolica.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Trattamenti di
Andrea Carlo Ferrari
Stemma
Arcivescovo di Milano
Trattamento di cortesia Sua Eminenza
Trattamento colloquiale Vostra Eminenza
Trattamento religioso Cardinale
I trattamenti d'onore
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Durante i fatti del 1898 era ad Asso e la sua assenza dalla città fu criticata da alcuni ambienti che sostennero che aveva lasciato senza difesa il suo popolo

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Benedetto Galbiati, Il cardinale di Milano, Milano, Vita e Pensiero, 1919 (Treviglio, Soc. Azione Giovanile).
  • Giacomo Pastori, Il cardinal Ferrari, Milano, Modernissima, 1919.
  • L'Opera Cardinal Ferrari, Treviglio, Azione giovanile, 1921.
  • Cesare Mansueti, Il cardinale Ferrari e la guerra europea attraverso documenti inediti, Clusone, Giudici, 1927.
  • Maria Giovanna Dore, Il cardinal Ferrari, Firenze, La cardinal Ferrari, 1929.
  • Angelo Novelli, Un vescovo. Il Cardinal Andrea C. Ferrari, arcivescovo di Milano, Milano, Casa Edit. S. Lega Eucaristica, 1929 (R. Ghirlanda).
  • Cesare Mansueti, Come ho visto il cardinal Ferrari, Milano, Como, Casa Edit. Quaderni di Poesia di E. Cavalleri, 1933.
  • Maria Dolorinda Capozzi, Il cardinale Andrea Carlo Ferrari, arcivescovo di Milano, Milano, Tip. ODC, 1965.
  • Giovanni Colombo, Una vita per il popolo, Milano, Associazione Cardinal Ferrari, ?1966??.
  • Carlo Snider, L'episcopato del cardinale Andrea C. Ferrari, Vicenza, Neri Pozza.
  • Il cardinale Andrea Carlo Ferrari. Testimonianze e documenti, Milano, Fondazione La Casa del Cardinale, 1981.
  • Pietro Bonardi e Andrea Maggiali (a cura di), Un figlio di Parma per la Chiesa di Milano, Parma, Novastampa, 1987.
  • Giovanni Battista Penco, Il cardinal Andrea Ferrari arcivescovo di Milano, Milano, Istituto propaganda libraria, 1987.
  • Giovanni Rossi, Il cardinal Ferrari, Assisi, Cittadella Editrice, 1987.
  • Comitato diocesano Beato cardinal Andrea C. Ferrari (a cura di), Il beato cardinal Ferrari nel Duomo che lo ebbe canonico-teologo, Presezzo (BG), Lito-Press, 1995.
  • Umberto Lorenzetti, Cristina Belli Montanari, L'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme. Tradizione e rinnovamento all'alba del Terzo Millennio, Fano (PU), settembre 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Guastalla Successore BishopCoA PioM.svg
Prospero Curti 1890 - 1891 Pietro Respighi
Predecessore Vescovo di Como Successore BishopCoA PioM.svg
Luigi Nicora 1891 - 1894 Teodoro Valfrè di Bonzo
Predecessore Cardinale presbitero di Sant'Anastasia Successore CardinalCoA PioM.svg
Carlo Laurenzi 1894 - 1921 Michael von Faulhaber
Predecessore Arcivescovo di Milano Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Luigi Nazari di Calabiana 21 maggio 1894 - 2 febbraio 1921 Achille Ratti

Controllo di autorità VIAF: 64040524 LCCN: n/82/40904