Andrea Bonomi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Bonomi
Valletti and Bonomi.jpg
Andrea Bonomi (a sinistra) con Ferdinando Valletti sugli spalti dello stadio del Milan.
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Ritirato 1955
Carriera
Squadre di club1
1940-1942 Pirelli Pirelli  ? (?)
1942-1952 Milan Milan[1] 239 (3)[2]
1952-1954 Brescia Brescia 47 (0)
1954-1955 Piacenza Piacenza 5 (0)
Nazionale
1951 Italia Italia 1 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Andrea Bonomi (Cassano d'Adda, 14 febbraio 1923Cassano d'Adda, 26 novembre 2003) è stato un calciatore italiano, capitano del Milan per tre stagioni, tra cui quella dello scudetto 1950-1951[3].

Soprannominato Ciapin all'inizio della sua carriera[4], Bonomi fu protagonista da bambino di un episodio che lo lega ad un altro famoso calciatore. All'età di sei anni stava infatti per annegare nell'Adda e venne messo in salvo da un ragazzo di dieci anni, destinato a diventare uno dei più grandi calciatori italiani di tutti i tempi: si trattava infatti di Valentino Mazzola[5].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Mediano laterale o all'occorrenza terzino[4][6], sopperiva con grinta e dinamismo alle proprie lacune tecniche[4], risultando un elemento determinante nel settore di centrocampo[4].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Dopo gli esordi nel Dopolavoro Pirelli (nel campionato di Serie C 1940-1941[7]), Bonomi passò nel 1942 nelle file del Milan (allora denominato Milano), per la cifra di 500 lire[4]. Con i rossoneri esordì in Serie A il 22 novembre 1942 in Torino-Milan 0-1. In quella stagione disputò altre 3 partite nella massima serie. Con i rossoneri giocò il campionato di guerra del 1944 e successivamente altre 7 stagioni, tutte da titolare e le ultime 3 come capitano[4]. Durante la sua esperienza a Milano vinse uno scudetto nel 1951, il primo dopo 44 anni, in compagnia del trio svedese Gre-No-Li[4], disputando tutte le 38 partite di campionato oltre a due incontri di Coppa Latina.

Nel 1952 passò al Brescia in Serie B, dove restò per due stagioni prima di trasferirsi al Piacenza[6]. Qui disputò le sue ultime 5 partite nel campionato di Serie C 1954-1955, prima di chiudere la carriera nel 1955.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua carriera Bonomi disputò una sola partita con la Nazionale italiana[8], contro la Svizzera il 25 novembre 1951 (1-1).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Altre competizioni Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1942-1943 Italia Milano A 4 0 CI 0 0 - - - 4 0
1943-1944 - - - - - - CAI 10 0 10 0
1944-1945 - - - - - - TBL 13 1 13 1
1945-1946 Italia Milan DN 36+2 3+0 - - - - - - 38 3
1945-1946 A 37 0 - - - - - - 37 0
1947-1948 A 38 0 - - - - - - 38 0
1948-1949 A 29 0 - - - - - - 29 0
1949-1950 A 25 0 - - - - - - 25 0
1950-1951 A 38 0 - - - CL 2 0 40 0
1951-1952 A 22 0 - - - - - - 22 0
Totale Milano/Milan[9] 239+2 3+0 0 0 25 1 266 4
1952-1953 Italia Brescia B 31 0 - - - - - - 31 0
1953-1954 B 16 0 - - - - - - 16 0
Totale Brescia 47 0 - - - - 47 0
1954-1955 Italia Piacenza C 5 0 - - - - - - 5 0
Totale carriera 291+2 3+0 0 0 25 1 318 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1950-1951

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal 1942 al 1945 come "Milano".
  2. ^ 241 (3) se si compendono gli spareggi della Divisione Nazionale 1945-1946.
  3. ^ La rosa sul sito del Milan. URL consultato il 18 settembre 2008.
  4. ^ a b c d e f g Profilo su Magliarossonera.it
  5. ^ La storia del “Grande Torino" salentocult.it
  6. ^ a b Rosa 1954-1955 storiapiacenza1919.it
  7. ^ M.Sappino, Dizionario biografico enciclopedico di un secolo del calcio italiano, vol.2, pag.94
  8. ^ I Nazionali storiapiacenza1919.it
  9. ^ Almanacco Illustrato del Milan, 2ª ed., Panini, marzo 2005, p. 663.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]