André Desvages

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
André Desvages
Dati biografici
Nome André Jules Léon Desvages
Nazionalità Francia Francia
Ciclismo Cycling (road) pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Strada
Ritirato 1970
Carriera
Squadre di club
1967-1969 Peugeot Peugeot
1970 Frimatic
Nazionale
1964-1965 Francia Francia
Carriera da allenatore
1972-1973 Gitane
1974 Sonolor Sonolor
Palmarès
Gnome-emblem-web.svg  Mondiali su strada
Bronzo Lasarte-Oria 1965 Cronosq. dil.
 

André Jules Léon Desvages (Graye-sur-Mer, 12 marzo 1944) è un ex ciclista su strada e dirigente sportivo francese. Professionista tra il 1967 ed il 1970, vinse una tappa al Tour de France.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Da dilettante partecipò ai Giochi olimpici di Tokyo 1964 classificandosi sesto nella cronometro a squadre. L'anno successivo fu terzo ai mondiali nella stessa specialità, oltre a conseguire alcuni successi come la Parigi-Troyes, una tappa alla Corsa della Pace ed una al Tour de l'Avenir. Nel 1966 ottenne un altro successo di tappa alla Corsa della Pace. Nel 1967 passò professionista con la Peugeot e vinse due tappe alla Parigi-Nizza, mentre l'anno successivo ottenne una vittoria di tappa al Tour de France. Partecipò a un'edizione del Tour de France e una della Vuelta a España. Si ritirò nel 1970 e tra il 1972 ed il 1974 fu direttore sportivo della Gitane e della Sonolor.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

  • 1966 (Dilettanti, una vittoria)
8ª tappa Corsa della Pace (Varsavia > Varsavia)
  • 1967 (Peugeot-BP-Michelin, due vittorie)
5ª tappa Parigi-Nizza (Bollène > Marignane)
7ª tappa Parigi-Nizza (Hyères > Antibes)
  • 1968 (Peugeot-BP-Michelin, due vittorie)
5ª tappa, 1ª semitappa Tour de France (Rouen > Bagnoles-de-l'Orne)

Altri successi[modifica | modifica sorgente]

Criterium di Brette-les-Pins
Criterium di Poullaouen

Piazzamenti[modifica | modifica sorgente]

Grandi Giri[modifica | modifica sorgente]

1968: ritirato (15ª tappa)
1969: ritirato (12ª tappa)

Competizioni mondiali[modifica | modifica sorgente]

Classiche monumento[modifica | modifica sorgente]

1968: 112º

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]