André Delvaux

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Barone André Delvaux (Oud-Heverlee, 21 marzo 1926Valencia, 4 ottobre 2002) è stato un regista belga.

André Delvaux con la scrittrice Suzanne Lilar, 1980

Il regista[modifica | modifica sorgente]

Cineasta belga; la sua produzione è ricondotta alla declinazione del Realismo Magico. André Albert Auguste, barone Delvaux, figlio del grande pittore surrealista Paul Delvaux [senza fonte] , studiò filologia tedesca e diritto all'Università libera di Bruxelles. Alla Cineteca della capitale belga, cominciò ad accompagnare le proiezioni dei film muti al piano. Divenuto professore, insegna a Schaerbeek dove fonda una classe di cinema. Comincia a realizzare alcuni cortometraggi documentari, tra cui uno su Federico Fellini e su Jean Rouch. Nel 1962, debutta nel lungometraggio fiction con il suo primo film Le Temps des écoliers. I suoi film sono in gran parte adattamenti letterari e, in gran parte, di ambientazione specificamente belga. Delvaux gira indifferentemente in francese o in fiammingo. I suoi film denotano uno stile non classificabile e ambizioso, segnato dall'onirico e dal mistero. La frontiera tra reale e immaginario è spesso cancellata affrontando il tema della morte e del desiderio, con un'atmosfera di inquietante estraneità che nasce sia grazie alla storia sia grazie ai paesaggi.

Premi[modifica | modifica sorgente]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Colville, G.M.M. 2006. Between surrealism and magic realism: the early feature films of André Delvaux. Yale French Studies 109: 115-128.
  • Mosley, P. 1994. From Book to Film: André Delvaux's alchemy of the image. The French Review 67: 813-823.
  • Nysenholc, A. (Ed.). 1985. André Delvaux ou les visages de l'imaginaire. Editions de l'Université de Bruxelles, 295 pp.

Controllo di autorità VIAF: 12345499 LCCN: n/87/801693