André Abegglen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
André Abegglen
Dati biografici
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 168 cm
Peso 69 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 1944
Carriera
Squadre di club1
1924-1926 Cantonal Neuchatel Cantonal Neuchâtel 10 (4)
1926-1927 Grasshoppers Grasshoppers 10 (4)
1927-1928 Etoile Carouge Étoile Carouge 13 (6)
1928-1929 Cantonal Neuchatel Cantonal Neuchâtel 14 (8)
1929-1930 Saint-Eugène  ? (?)
1930-1934 Grasshoppers Grasshoppers 82 (83)
1934-1937 Sochaux Sochaux 61 (51)
1937-1942 Servette Servette 103 (63)
1942-1944 La Chaux-de-Fonds La Chaux-de-Fonds 37 (25)
Nazionale
1927-1943 Svizzera Svizzera 52 (30)
Carriera da allenatore
1937-1942 Servette Servette
1942-1944 La Chaux-de-Fonds La Chaux-de-Fonds
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

André Abegglen (Ginevra, 7 marzo 19098 novembre 1944) è stato un allenatore di calcio e calciatore svizzero, di ruolo attaccante.

Era soprannominato Trello.[1]

Anche il fratello Max Abegglen fu un calciatore e militò per la nazionale svizzera.

È morto a 35 anni, in un incidente mentre viaggiava in treno con la squadra.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

La sua carriera inizia nel 1924 con il Football Club Cantonal Neuchâtel.

Nel 1926-27 si trasferisce al Grasshopper dove forma una temibile coppia d'attacco insieme al fratello Max e vince il campionato svizzero. Tuttavia a fine stagione se ne va e si trasferisce all'Étoile-Carouge Football Club, anche qui rimane per una sola stagione e l'anno successivo ritorna al Cantonal Neuchâtel. Nel 1929 si trasferisce per la prima volta all'estero, nella squadra algerina del Saint-Eugène.

Nella stagione 1930-1931 fa ritorno al Grasshopper dove milita ancora il frantello, durante questa stagione Abegglen vince il suo secondo campionato svizzero. Rimane al Grasshopper fino al 1934 quando si trasferisce in Francia al Sochaux. Nella stagione 1934-1935 si laurea capocannoniere con 30 gol e vince il campionato francese. Il 25 agosto 1935 Abegglen segna sette reti in una partita contro il Valenciennes. Nel 1936-37 vince la Coppa di Francia e nel 1937-1938 vince il suo secondo campionato francese.

Poco dopo torna in Svizzera al Servette dove ricopre il doppio ruolo di allenatore e giocatore, arrivando nella stagione 1939-1940 alla conquista del suo terzo campionato svizzero.

Dopo quattro anni a Ginevra nel 1942 si trasferisce al Chaux-de-Fonds sempre come allenatore e giocatore.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Disputò le coppe del mondo del 1934, in cui segnò un gol all'Olanda nella gara vinta 3-2, e nel 1938, in cui segnò una doppietta alla Germania, nella gara vinta 4-2, ripetizione della gara pareggiata 1-1, di cui fu l'autore del gol della Svizzera. Con 29 gol in 52 gare in Nazionale svizzera è al quarto posto nella classifica dei marcatori più prolifici.[2]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Sochaux: 1934-1935; 1937-1938
Sochaux: 1936-1937;
Grasshopper: 1926-1927; 1930-1931
Servette: 1939-1940

Individuale[modifica | modifica sorgente]

1934-1935 (30 gol)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (FR) Les joueurs suisses qui ont marqué le Championnat de France Lequipe.fr
  2. ^ (EN) Appearances for Switzerland National Team Rsssf.com

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]