Andermatt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andermatt
comune
Andermatt – Stemma
Andermatt – Veduta
Localizzazione
Stato Svizzera Svizzera
Cantone Wappen Uri matt.svg Uri
Distretto Non presente
Amministrazione
Lingue ufficiali Tedesco
Territorio
Coordinate 46°37′N 8°35′E / 46.616667°N 8.583333°E46.616667; 8.583333 (Andermatt)Coordinate: 46°37′N 8°35′E / 46.616667°N 8.583333°E46.616667; 8.583333 (Andermatt)
Altitudine 1.447 m s.l.m.
Superficie 62,15 km²
Abitanti 1 351 (2004)
Densità 21,74 ab./km²
Comuni confinanti Airolo (TI), Göschenen, Gurtnellen, Hospental, Tujetsch (GR)
Altre informazioni
Cod. postale 6490
Prefisso 041
Fuso orario UTC+1
Codice OFS 1202
Targa UR
Cartografia
Mappa di localizzazione: Svizzera
Andermatt
Andermatt – Mappa
Sito istituzionale

Andermatt[1] è un comune del Canton Uri di 1.351 abitanti che si trova nella Valle di Orsera, punto di confluenza delle strade che conducono a tre importanti passi alpini: San Gottardo, verso il Canton Ticino; Furka, tra il Canton Uri e l'Alto Vallese; Oberalp, tra il Canton Uri ed il Canton Grigioni.

Il passo più importante è quello del San Gottardo, tradizionale porta d'accesso all'Italia per i viaggiatori provenienti dal Nord Europa, in particolare tedeschi (ad esempio Goethe, il cui passaggio per Andermatt è ricordato da una scritta sul muro di un albergo del paese). L'importanza del passo è calata con l'apertura nel 1881 del tunnel ferroviario del Gottardo e, cent'anni dopo, di quello stradale.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Nel 1799 Andermatt fu teatro di uno scontro tra le truppe napoleoniche e quelle russe comandate dal Generale Suvorov, in ritirata dall'Italia settentrionale. L'episodio è ricordato dal memoriale dei soldati russi, visibile dal Ponte del Diavolo, all'uscita del Paese verso la Schollenen, la ripida strada che scende verso Lucerna. La casa nel centro di Andermatt dove Suvorov dormì una notte è stata trasformata in museo cittadino.

Nella strategia militare svizzera il massiccio del Gottardo rappresenta l'ultimo baluardo dove il governo ed i vertici militari, in caso di attacco dall'estero, dovrebbero ritirarsi, abbandonando le pianure più vulnerabili. Sotto la montagna si trovano cunicoli e rifugi in grado di ospitare numerose persone per periodi lunghi. Andermatt ospita ancora numerose caserme ed impianti militari (tra cui l'ospedale, usato dall'intera popolazione) ma la presenza di soldati si è molto ridotta negli ultimi anni.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Andermatt è una stazione sciistica di media grandezza, frequentata in particolare da sciatori esperti amanti dello sci fuorispista e della neve fresca. Le discese più interessanti e impegnative si trovano sul Gemsstock, montagna esposta a nord e quindi sempre bene innevata. Una funivia conduce a quasi 3.000 metri, garantendo quindi un dislivello di oltre 1.500 metri.

Il secondo comprensorio sciistico è quello del Natschen, soleggiato e con piste più facili. L'innevamento è minore e la stagione più breve.

"Andermatt Swiss Alps" è un ambizioso progetto di sviluppo turistico avviato dal costruttore copto egiziano Sawiris per creare alcuni alberghi, anche di lusso, un campo da golf da 18 buche e una "seconda Andermatt" dall'altro lato del fiume Reuss. I lavori sono stati avviati nel 2010 ed il primo albergo dovrebbe essere inaugurato a fine 2012. Sawiris, che ha dovuto convincere gli andermattesi ad approvare il suo progetto in un referendum popolare, ha beneficiato dell'esenzione dalla legge Koller, che limita la vendita di immobili e terreni agli stranieri, ed ha potuto così acquistare una larga parte della vallata precedentemente in uso all'esercito svizzero (poligono di tiro).

Amministrazione comunale[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Andermatt in Dizionario storico della Svizzera.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Svizzera Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera