Anche se è amore non si vede

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anche se è amore non si vede
Anche se è amore non si vede.JPG
Logo del film
Lingua originale italiano
Paese di produzione Italia
Anno 2011
Durata 96 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, romantico
Regia Salvatore Ficarra e Valentino Picone
Soggetto Salvatore Ficarra e Valentino Picone
Sceneggiatura Salvatore Ficarra, Valentino Picone, Francesco Bruni, Fabrizio Testini
Produttore Attilio De Razza
Casa di produzione Tramp Ltd.
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Musiche Paolo Buonvino
Scenografia Paola Bizzarri
Interpreti e personaggi

Anche se è amore non si vede è un film del 2011 diretto e interpretato da Salvatore Ficarra e Valentino Picone.

È il loro primo film da registi assoluti e primo di ambientazione non siciliana.[1]

Il film è stato distribuito al cinema il 23 novembre 2011.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Valentino (Valentino Picone) e Gisella (Ambra Angiolini) hanno una relazione stabile e convivono da diversi anni. Valentino ama la sua fidanzata di un amore morboso, totalizzante e oppressivo, infatti, facendole un regalo per ogni mese che stanno insieme, le ha riempito la casa di doni a forma di cuore e anche oggi, per gli otto anni e quattro mesi, le ha preparato l'intera colazione a forma di cuore e le ha regalato un paio di orecchini a cuore. Salvo (Salvatore Ficarra) e Valentino sono due amici di vecchia data, siciliani trapiantati a Torino, che hanno una piccola società di servizi per il turismo. Salvo ha l'abitudine di presentarsi ogni giorno a casa loro per la colazione con invadenza, nonostante il suo amico lo preghi di andare al bar (e Salvo ogni volta dice che fatica a digerire le brioches del bar) e di lasciar loro la privacy mattutina. Il loro mezzo, un restaurato e coloratissimo autobus inglese di qualche anno fa, trasporta i turisti tra i monumenti di Torino. Valentino è abbastanza timido e riservato (infatti solitamente è lui a guidare il bus mentre Salvo parla), mentre Salvo è parecchio intraprendente e sfacciato. Alle loro dipendenze c'è Natasha (Sascha Zacharias), una giovane e bella guida turistica, che non conosce però nessuna lingua straniera.

Gisella confessa a Salvo di voler lasciare Valentino perché ormai non si trova più bene con lui in quanto il fidanzato è uno zerbino e il suo amore la sta facendo impazzire: piatti con la sua foto, loro gigantografie sui muri, regali a forma di cuori, e a lei sta venendo un esaurimento nervoso. Siccome non ha il coraggio di dirglielo di persona, chiede a Salvo, in qualità di suo migliore amico, di comunicargli lui stesso la sua intenzione di finire la loro storia. Nel mentre Valentino, ignaro, organizza l'ottava festa a sorpresa per il compleanno della sua amata. Un giorno, i due vanno a prendere Sonia (Diane Fleri), una loro amica, in aeroporto, tornata dagli Stati Uniti. La sera della festa tutto si ripete come gli altri anni: Gisella, di professione hostess di volo, torna a casa e tutti la festeggiano con una grande festa a sorpresa, ma quando arriva il regalo di Valentino, un orologio a forma di cuore di pessimo gusto che dice "amore, è passata un'altra ora, e io ti amo" lei è presa da un conato di vomito e corre in bagno esasperata. Tra gli amici della coppia ci sono Angela e Orazio (Giovanni Esposito), in procinto di sposarsi, che sostengono che la coppia successiva a loro a compiere il grande passo saranno proprio Gisella e Valentino.

Il giorno seguente, Gisella parte per cinque giorni per lavoro e prega Salvo di dirgli la verità. Sonia confessa a Valentino che lei non si trova più bene con il suo fidanzato americano Peter, perché con lui non ride mai, e invece è gelosa di Salvo, di cui forse si è innamorata. Mentre parlano, Peter vede la scena da lontano e pensa che tra di loro ci sia qualcosa, mentre Sonia sta parlando di Salvo e si fa promettere che terrà per sé la loro conversazione. Invece Salvo è tutto preso da Natasha e per lei si fa addirittura tatuare un tribale sul braccio, perché la ragazza ha una passione per l'Africa, anche se lei ha già un fidanzato, Arturo. Valentino, a modo suo, cerca di convincere Salvo a rivalutare Sonia "perché con il tempo anche l'amicizia può diventare amore", e lo porta nel posto dove lui e Sonia erano stati prima che lei partisse per l'America (una cava di marmi). Dopo una partita di curling, finalmente Salvo riesce a confessare a Valentino la dura verità, cerca di tirarlo su di morale e gli fa capire che non c'è un altro uomo ma la causa della fine della sua relazione è che lui è soffocante e opprimente. Valentino si fa promettere che non dirà a Gisella che gliel'ha detto perché vuole che glielo dica lei stessa. Salvo viene chiamato da Natasha che è disperata perché Arturo lo ha lasciato, e crede che sia finalmente giunto il suo momento per conquistarla: apre la porta ma con stupore vede Sonia, che cerca di rivelargli i suoi sentimenti ma arriva subito Natasha e lei se ne va delusa. L'idea fa fiasco, perché Valentino e Natasha si disperano e piangono insieme per la fine delle loro storie. Gisella torna dal suo viaggio e va all'addio al nubilato di Angela, e gli uomini all'addio al celibato di Orazio. Nello stesso locale all'aperto, Valentino e Natasha si scatenano in balli sfrenati e vengono visti da Gisella, a cui la scena suscita una certa gelosia. Valentino vuole divagarsi dopo tanti giorni di lamenti e piagnistei, e decide di utilizzare un'arma che farà capitolare tutte le donne ai suoi piedi: mettere il gel nei capelli. Natasha confessa a Salvo che a lei interessa Valentino, che ha scoperto una persona dolce e sensibile e che apprezza i suoi bellissimi capelli. Salvo ne rimane follemente irato, vuole vendicarsi sui capelli di Valentino ma lui le dice che Sonia lo ama e deve mettere fine alla sua vita scanzonata correndo dietro a ragazze totalmente disinteressate a lui come Natasha.

Gisella chiama Valentino, che sta dormendo a casa di Salvo, ma al suo cellulare risponde un'amica ubriaca di Natasha, e poi subito chiama nuovamente Salvo e gli dice di non dire più niente a Valentino. I due si lavano i capelli con lo shampoo diluito con acqua ossigenata, scherzetto di Salvo di cui però rimangono vittime entrambi, diventando biondo platino. La mattina del matrimonio, Gisella passa a prendere Valentino a casa dell'amico e lo vede uscire dall'appartamento con quell'amica di Natasha ma si allontana, convinta che l'abbia tradita ed è furente di rabbia. Il matrimonio è concitato: tra Valentino e Gisella c'è dell'astio nascosto. Gisella prende da parte Salvo arrabbiata perché crede che il suo fidanzato abbia un'altra e si sente confusa. Mentre sono nascosti in bagno, Valentino li sorprende e fraintende credendo che Salvo abbia una storia con la sua fidanzata, mentre loro si erano nascosti perché in bagno era sopraggiunto lo sposo che tradiva la neo moglie con un'amante. Tra i due amici è lite e non solo fra di loro: Peter, ormai diventato ex di Sonia, inizia una lotta con Valentino ma colpisce un altro invitato dando inizio ad una scazzottata senza fine tra gli invitati. Inoltre, nel frattempo, Natasha scopre che il suo Arturo altri non era che Orazio, il neo sposo. Rivela allora il tradimento e la sposa e tutti i suoi parenti cominciano a picchiare Orazio in un parapiglia disordinato. Contemporaneamente Gisella chiarisce la sua posizione a Valentino, che gli dice di sapere della sua intenzione di lasciarlo, e lei dichiara di aver detto a Salvo che non doveva più dirglielo perché ci aveva ripensato perché si era resa conto di non volerlo perdere. Anche Salvo e Sonia si dichiarano il loro amore e i due amici tornano a volersi bene come prima.

Incassi[modifica | modifica sorgente]

Il film ha realizzato in Italia un incasso al botteghino di 6.002.000 €.[2]

Slogan promozionali[modifica | modifica sorgente]

« Perché, l'amicizia non si può trasformare in amore? »

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anche se è amore non si vede, Rivista del Cinematografo. URL consultato il 28 novembre 2013.
  2. ^ Anche se è amore non si vede, MYmovies. URL consultato il 2 dicembre 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema