Anceo (Poseidone)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Anceo è una figura mitologica greca, figlio di Astipalea e del dio Poseidone, o di Alta e Zeus.[1]

Partecipò alla spedizione degli argonauti, guidando la nave "Argo" dopo la dipartita di Tifi. Una volta conclusasi la missione, ritornò al suo paese, Tegea.

Un indovino gli predisse che non sarebbe vissuto per lungo tempo. Infatti, piantò delle viti nella sua terra e il veggente gli predisse "che non sarebbe riuscito neanche ad assaggiarne i frutti". Difatti, mentre si apprestava a bere il vino del suo raccolto, un servitore lo avvisò che un cinghiale stava devastando la vigna. Anceo si recò sul posto, ma venne incornato e ucciso da un cinghiale che, celato dietro le siepi, improvvisamente gli balzò addosso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anceo - Enciclopedia Italiana

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca