Analisi fattoriale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'analisi fattoriale è una tecnica statistica che permette di ottenere una riduzione della complessità del numero di fattori che spiegano un fenomeno. Si propone quindi di determinare un numero di variabili "latenti" più ristretto e riassuntivo rispetto al numero di variabili di partenza. In altre parole si tratta di una sorta di ricerca della parte comune delle rilevazioni fatte.

Un esempio è quello della registrazione dei voti di un certo numero di studenti in alcune materie (poniamo geografia, storia, matematica, fisica, etc...) e nel supporre che ci siano due tipi fondamentali di intelligenza: quella "matematica" e quella "verbale". Attraverso questo metodo, dovremmo esser in grado di isolare una misura (un peso) che permetta di comprendere quanto ciascuna di queste due variabili (in realtà non misurabili) abbia avuto incidenza sui voti di ciascuna materia. Si suppone inoltre che ciascuna rilevazione dipenda in parte dalle variabili originarie e in parte da un certo "u" di errore (determinato da variabili personali di diverso genere).

In ragione del tipo dei dati di input, l'analisi fattoriale si divide in:

  • analisi delle corrispondenze, che si utilizza per dati qualitativi;
  • analisi delle corrispondenze multiple, in cui si possono utilizzare entrambe le tipologie di dati.

Dal punto di vista puramente statistico, la matrice deve essere omogenea, perciò le eventuali variabili quantitative devono essere accorpate in classi per poter essere elaborate insieme alle qualitative. Dato che le risposte di un'intervista vengono codificate, per poter elaborare la matrice la si ricodifica sotto forma disgiuntiva completa, così si possono calcolare le frequenze e sintetizzare col metodo del Chi Quadrato.

Analisi delle corrispondenze[modifica | modifica sorgente]

L'analisi delle corrispondenze ha come scopo quello di individuare dimensioni soggiacenti alla struttura dei dati, dimensioni intese a riassumere l’intreccio di relazioni di “interdipendenza” tra le variabili originarie. Tramite l'analisi delle corrispondenze si può trasformare una tabella di contingenza in una rappresentazione grafica al fine di facilitare l’interpretazione delle informazioni contenute nella tabella stessa.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bolasco Sergio, Analisi multidimensionale dei dati. Metodi, strategie e criteri d'interpretazione, 1999, Roma, Carocci, ISBN 8843014013 (3^ ristampa 2008).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

matematica Portale Matematica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di matematica