Anafora di Addai e Mari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Anafora di Addai e Mari è un'antica preghiera eucaristica cristiana, caratteristica della Chiesa assira d'Oriente.

Attribuita dalla tradizione a Taddeo di Edessa e Mari, discepoli di San Tommaso apostolo e santi del I secolo, risale al III secolo secondo la maggioranza degli studiosi[1].

Ha la peculiarità di non contenere in modo coerente e ad litteram le parole dell'Istituzione dell'Eucaristia da parte di Gesù Cristo ("Questo è il mio corpo", "questo è il calice del mio sangue per la nuova ed eterna alleanza..."). Sono presenti invece "in modo eucologico disseminato, ossia integrate nelle preghiere di rendimento di grazie, di lode e di intercessione"[1]. Riportiamo tre passaggi interessanti: "[...] abbiamo ricevuto per tradizione l'esempio che viene da te, rallegrandoci, glorificando, esaltando, facendo memoria e celebrando questo mistero grande e terribile [...] nella memoria del corpo e del sangue del tuo Cristo, che noi offriamo a te sull'altare puro e santo, come tu ci hai insegnato, [...] sacramento vivificante e divino che io posso amministrare al tuo popolo, il gregge del tuo pascolo".

Nel 2001 la Chiesa cattolica ha riconosciuto la validità dell'Anafora di Addai e Mari - sostenuta da una tradizione ininterrotta risalente all'epoca post-apostolica - nel contesto della possibilità di intercomunione, in caso di necessità pastorale, tra i fedeli della Chiesa assira d'Oriente e la Chiesa cattolica caldea[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Orientamenti per l'ammissione all'Eucaristia fra la Chiesa caldea e la Chiesa assira dell'Oriente. URL consultato il 02-03-2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giraudo C. SJ: "In Unum Corpus". Trattato mistagogico sull' eucaristia. Milano: Edizioni San Paolo, 2001, pp.260-262 e 352-360. ISBN 88-215-4399-4.