Anacamptis papilionacea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Orchidea farfalla
Orchis papilionacea zingaro 108.jpg
Anacamptis papilionacea
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Liliopsida
Ordine Orchidales
Famiglia Orchidaceae
Sottofamiglia Orchidoideae
Tribù Orchideae
Sottotribù Orchidinae
Genere Anacamptis
Specie A. papilionacea
Classificazione APG
Ordine Asparagales
Famiglia Orchidaceae
Nomenclatura binomiale
Anacamptis papilionacea
(L.) R.M.Bateman,
Pridgeon & M.W.Chase, 1997
Sinonimi

Bas.:Orchis papilionacea L.

L'Orchidea farfalla (Anacamptis papilionacea (L.) R.M.Bateman, Pridgeon & M.W.Chase, 1997) è una pianta appartenente alla famiglia delle Orchidaceae.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

È una pianta erbacea alta 15–40 cm, con fusto cilindrico di colore verde, con macchie rossastre alla sommità.
L'apparato radicale è caratterizzato da due rizotuberi tondeggianti.
Le foglie basali, lineari-lanceolate, di colore verde glauco, sono riunite in rosetta mentre le cauline, guainanti, sono di dimensioni decrescenti man mano che si procede verso la sommità e presentano sfumature rossastre. Le brattee, ovato-lanceolate, sono di colore rosaceo con venature brunastre.
I fiori, riuniti in infiorescenze dense e allungate, presentano sepali ovato-lanceolati, di colore dal rosa al viola e petali oblunghi, più corti dei sepali. Il labello è roseo, più chiaro al centro ed alla base, talora con venature a ventaglio. Lo sperone è conico, più corto dell’ovario, dritto o curvo in basso.

Fiorisce dalla fine di febbraio a metà giugno.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

È una specie a diffusione mediterranea.
In Italia è presente in quasi tutto il territorio, tranne Trentino-Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia.
La varietà A. papilionacea grandiflora è nota solo per Sicilia e Sardegna.

Cresce in ambienti di prateria, gariga e macchia, fino a 5.400 m di altitudine, con predilezione per i suoli asciutti, calcarei o debolmente acidi.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

L'impollinazione è entomofila ad opera degli imenotteri del genere Eucera.

Tassonomia[modifica | modifica sorgente]

Descritta da Linneo come Orchis papilionacea questa specie è stata recentemente assegnata al genere Anacamptis [1].

Il numero cromosomico di Anacamptis papilionacea è 2n=32.

Varietà[modifica | modifica sorgente]

Dettaglio del fiore di A. papilionacea
Dettaglio del fiore di A. papilionacea var. grandiflora
  • A. papilionacea var. grandiflora (Boiss.), in passato considerata al rango di sottospecie, presenta un labello più largo, più piatto, più chiaro, e con venature più marcate.

Ibridi[modifica | modifica sorgente]

  • Anacamptis × bornemanniae (A. longicornu × A. papilionacea)
  • Anacamptis × gennarii (A. morio × A. papilionacea)
  • Anacamptis × van-lookenii (A. papilionacea × A. pyramidalis)

Sono inoltre stati descritti ibridi con altri generi di Orchidinae tra i quali:

  • ×Serapicamptis (Anacamptis × Serapias) [2]
    • × Serapicamptis barlae (K.Richt.) J.M.H.Shaw, 2005 (A. papilionacea × S. lingua)
    • × Serapicamptis cytherea (B.Baumann & H.Baumann) H.Kretzschmar, Eccarius & H.Dietr., 2007 (A. papilionacea × S. orientalis)
    • × Serapicamptis debeauxii (E.G.Camus) J.M.H.Shaw, 2005 (A. papilionacea × S. cordigera)
    • × Serapicamptis ligustica (E.G.Camus) J.M.H.Shaw, 2005 (A. papilionacea × S. vomeracea)
    • × Serapicamptis myrtoa (Kalop. & Aperghis) J.M.H.Shaw, 2005 (A. papilionacea × S. bergonii)
    • × Serapicamptis triloba (Viv.) J.M.H.Shaw, 2005 (A. papilionacea × S. neglecta)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bateman R.M., Molecular phylogenetics and evolution of Orchidinae and selected Habenariinae (Orchidaceae) in Bot. J. Linn. Soc. 2003; 142(1): 1-40.
  2. ^ The Board of Trustees of the Royal Botanic Gardens, Kew, Serapicamptis in World checklist of selected plant families.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Tutin T.G., Heywood V.H. et al., Flora Europea, Cambridge University Press, 1976, ISBN 0-521-08489-X.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]