Amyda cartilaginea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Tartaruga dal guscio molle asiatica
COLLECTIE TROPENMUSEUM Rivierschildpad (Trionyx cartilagineus) die alleen op de oever komt om eieren te leggen TMnr 10006462.jpg
Stato di conservazione
Status iucn2.3 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Testudines
Famiglia Trionychidae
Genere Amyda
Geoffroy Saint-Hilaire, 1809
Specie A. cartilaginea
Nomenclatura binomiale
Amyda cartilaginea
(Boddaert, 1770)
Sinonimi

Testudo cartilaginea, Trionyx cartilagineus, Trionyx ephippium, Trionyx nakornsrithammarajensis, Trionyx ornatus, Trionyx phayrei

La tartaruga dal guscio molle asiatica (Amyda cartilaginea Boddaert, 1770), unica specie del genere Amyda Geoffroy Saint-Hilaire, 1809, è una tartaruga della famiglia dei Trionichidi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È considerata una delle più grandi specie della famiglia dei Trionichidi. Molti esemplari, infatti, superano i 70 cm di lunghezza e pesano tra i 30 e i 40 kg. L'esemplare più lungo di cui gli studiosi sono a conoscenza misurava 76,3 cm ed aveva un carapace di 52,7 cm; un altro esemplare museale, più corto, ha un carapace di 57,0 cm. Il carapace è di forma ovoidale.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La tartaruga dal guscio molle asiatica vive in Indocina e sulle più grandi isole indonesiane, cioè Giava, Borneo e Sumatra.

Si incontra sia in corsi d'acqua limpida che in raccolte d'acqua più torbida, come quelle delle paludi.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di pesci, anfibi e altre creature acquatiche.

La femmina depone covate composte da 4 a 10 uova, ma è probabile che gli esemplari più grandi ne depongano anche 30. Talvolta un'unica femmina può avere più covate nel corso dello stesso anno, anche tre o quattro. L'incubazione dura più di 130 giorni.

Un esemplare di Amyda cartilaginea in un museo di San Pietroburgo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Asian Turtle Trade Working Group 2000, Amyda cartilaginea in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili