Amhrán na bhFiann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aiuto
Amhrán na bhFiann (info file)
Versione strumentale eseguita dalla banda della Marina degli Stati Uniti

Amhrán na bhFiann (La Canzone del Soldato) è, dal 1926, l'inno nazionale della Repubblica d'Irlanda, ed è stata composta nel 1910 da Patrick Heeney (1881-1911) e Peadar Kearney (1883-1942), zio del famoso poeta, scrittore e attivista dell'IRA Brendan Behan. È assieme agli inni dello Sri Lanka, Sudafrica e Canada, inno nazionale bilingue.

Gli irlandesi combatterono a lungo, perché pesantemente discriminati in quanto cattolici, contro la Gran Bretagna, e per molti l'Ottocento e l'inizio del Novecento fu un duro periodo di emigrazione verso le Americhe. Ad inizio Novecento cominciarono a diffondersi sempre più movimenti rivoluzionari clandestini, e fu in questo clima che nacque l'inno, inteso come un canto di battaglia. Durante la prima guerra mondiale gli irlandesi passarono alla lotta armata che portò, nonostante le feroci repressioni, al riconoscimento nel 1921 dello Stato libero d'Irlanda, da cui poi derivò la proclamazione della repubblica nel 1949, con l'eccezione di sei delle nove contee dell'Ulster rimaste nel Regno Unito in quanto a maggioranza protestante. I simboli rivoluzionari, la bandiera verde-bianco-arancione e l'inno, divennero così ufficiali, l'inno fu proclamato tale il 7 luglio 1926.

Si tratta di una melodia nobile, combattiva, fiera, di notevole bellezza, munita di due temi fondamentali; il primo dei due incornicia il secondo. Dal 1990, nelle manifestazioni sportive, sta prendendo sempre più piede l'usanza di eseguire l'inno in maniera accorciata, cominciando subito con il secondo tema e concludendo con il primo.

Testo[modifica | modifica sorgente]

In lingua Gaelica Irlanda

Seo dhibh a cháirde duan Óglaigh,
Cathréimeach bríomhar ceolmhar,
Ár dtinte cnámh go buacach táid,
'S an spéir go mín réaltógach
Is fonnmhar faobhrach sinn chun gleo
'S go tiúnmhar glé roimh thíocht do'n ló
Fé chiúnas chaomh na hoiche ar seol:
'Seo libh canaídh Amhrán na bhFiann

Curfá (Coro):
Sinne Fianna Fáil
Atá faoi gheall ag Éireann,
buion dár slua
Thar toinn do ráinig chugainn,
Fé mhóid bheith saor.
Sean tír ár sinsear feasta
Ní fhágfar fén tíorán ná fén tráill
Anocht a théam sa bhearna bhaoil,
Le gean ar Ghaeil chun báis nó saoil
Le gunna screach fé lámhach na bpiléar
Seo libh canaídh Amhrán na bhFiann.

Cois bánta réidhe, ar árdaibh sléibhe,
Ba bhuachach ár sinsir romhainn,
Ag lámhach go tréan fé'n sár-bhrat séin
Tá thuas sa ghaoith go seolta
Ba dhúchas riamh d'ár gcine cháidh
Gan iompáil siar ó imirt áir,
'S ag siúl mar iad i gcoinne námhad
Seo libh, canaídh Amhrán na bhFiann

Curfá (Coro)

A bhuíon nách fann d'fhuil Ghaeil is Gall,
Sin breacadh lae na saoirse,
Ta scéimhle 's scanradh i gcroíthe namhad,
Roimh ranna laochra ár dtire.
ár dtinte is tréith gan spréach anois,
Sin luisne ghlé san spéir anoir,
'S an bíobha i raon na bpiléar agaibh:
Seo libh, canaídh Amhrán na bh Fiann.

Curfá (Coro)

In lingua inglese Regno Unito

We'll sing a song, a soldier's song,
With cheering rousing chorus,
As round our blazing fires we throng,
The starry heavens o'er us;
Impatient for the coming fight,
And as we wait the morning's light,
Here in the silence of the night,
We'll chant a soldier's song.

Chorus (Coro):
Soldiers are we,
whose lives are pledged to Ireland,
Some have come
from a land beyond the wave,
Sworn to be free,
no more our ancient sireland,
Shall shelter the despot or the slave.
Tonight we man the "bearna baoil", In Erin’s cause, come woe or weal,
’Mid cannon’s roar and rifles’ peal,
We’ll chant a soldier’s song

In valley green, on towering crag,
Our fathers fought before us,
And conquered 'neath the same old flag
That's proudly floating o'er us.
We're children of a fighting race,
That never yet has known disgrace,
And as we march, the foe to face,
We'll chant a soldier's song

Chorus (Coro)

Sons of the Gael! Men of the Pale!
The long watched day is breaking;
The serried ranks of Inisfail
Shall set the Tyrant quaking.
Our camp fires now are burning low;
See in the east a silv'ry glow,
Out yonder waits the Saxon foe,
So chant a soldier's song.

Chorus (Coro)

Traduzione italiana Italia

Canteremo una canzone, una da soldato,

Con un coro concitato d'ovazione,
Ci raduniamo attorno ai nostri fuochi splendenti,
I paradisi stellati sopra di noi;
Impazienti per l'imminente scontro,
E come aspettiamo la luce del mattino,
Qui nel silenzio della notte,
Noi canteremo una canzone da soldato.

Coro:
Soldati siamo noi
le cui vite sono al servizio dell'Irlanda;
Alcuni sono venuti
da una terra al di là del mare.
giurando di essere liberi,
Non più la nostra antica madre terra[sire=antenato maschio]
Dovrà sopportare il peso della schiavitù.
Questa notte sfidiamo il pericolo
In nome di Erin, sia dolore o piaga
In mezzo al rombo dei cannoni e al fragore dei fucili,
Canteremo una canzone da soldato

Nella verde vallata, sulla torre della rupe,
I nostri padri combatterono prima di noi,
E lottarono sotto la stessa vecchia bandiera
Che fiera sventola sopra di noi
Siamo figli di una razza combattente,
Che mai finora ha incontrato disonore,
E mentre marciamo, a fronteggiare il nemico,
Canteremo una canzone da soldato

Coro

Figli dei Gaelici! Uomini del Pale!
Il giorno tanto agognato sta arrivando;
I ranghi serrati di Inisfail
fanno tremare il Tiranno.
I fuochi del nostro campo scemano;
Guarda ad est un bagliore argentato,
Fuori attende il nemico Sassone,
Perciò canta una canzone da soldato.

Coro

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]