American Academy in Rome

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La sede dell'Accademia, al Gianicolo

L'American Academy in Rome è un'istituzione culturale statunitense, fondata nel 1894, che "promuove il perseguimento degli studi e della ricerca avanzata nel campo delle belle arti e delle discipline umanistiche"[1], con sede sul Gianicolo.

Fondazione[modifica | modifica wikitesto]

L'assetto dell'Accademia americana a Roma risale al 1913, quando si realizzò una fusione tra la American School of Architecture (fondata nel 1894) e la American School of Classical Studies in Rome (istituita nel 1895 dall'Archaeological Institute of America).

Tra i fondatori vi furono Charles Follen McKim, William Kissam Vanderbilt, Henry Clay Frick, John D. Rockefeller, Jr., Andrew Carnegie, Richard Morris Hunt, Austin W. Lord, Daniel Burnham, William Ware, Henry Gurdon Marquand, e Martin Brimmer.

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Il Gianicolo: in fondo i tetti dell'American Academy. A dx., la fontana dell'Acqua Paola. A sx., la San Pietro in Montorio con l'Academia de España.

Rome Prize[modifica | modifica wikitesto]

L'Accademia offre ospitalità temporanea a studiosi e artisti statunitensi che hanno ricevuto il prestigioso Rome Prize (da non confondersi con altri omonimi riconoscimenti, come il francese Prix de Rome).

I Rome Prize sono conferiti in vari campi:

Altre iniziative[modifica | modifica wikitesto]

Oltre ai borsisti destinatari del premio (denominati con l'acronimo FAAR - Fellows of the American Academy in Rome), in diversi periodi vivono, frequentano o lavorano nell'accademia studiosi o artisti in visita.

Anche i membri residenti (RAAR), in genere essi stessi studiosi o artisti di rilievo, vivono nell'Accademia per tre mesi. Vi sono due o tre residenti all'anno per ciascun campo di studio.

L'Accademia ospita numerosi programmi estivi, tra cui la Classical Summer School, il Seminario estivo del NEH-National Endowment for the Humanities, il Programma estivo sulla ceramica romana, e il programma estivo in Archeologia. Sono iniziative aperte a vari studiosi, docenti, e studenti.

L'accademia ospita inoltre la Fototeca Unione, fondata da Ernest Nash.

Sedi[modifica | modifica wikitesto]

L'Accademia è ospitata in diversi edifici. La sede principale, aperta nel 1914, fu progettata da Charles Follen McKim, William Rutherford Mead, e Stanford White. Il cortile ha una fontana disegnata dallo scultore Paul Manship. L'architetto Michael Graves ha progettato la biblioteca dei libri rari nel 1996.

L'Accademia possiede, inoltre, la Villa Aurelia, una tenuta di campagna costruita nel 1650 per il Cardinale Girolamo Farnese. L'edificio servì come quartier generale di Giuseppe Garibaldi durante l'assedio francese di Roma nel 1849, in occasione dell'esperienza della Repubblica Romana. La villa fu pesantemente danneggiata durante l'assalto e successivamente restaurata.

Fu quindi comprata da Clara Jessup Heyland, ereditiera di Filadelfia. Heyland morì nel 1909, e la villa entrò nel possesso dell'Accademia, secondo le volontà espresse con lascito testamentario.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The American Academy in Rome: Mission

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]