American-Arab Anti-Discrimination Committee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'American-Arab Anti-Discrimination Committee (ADC) è la più grande organizzazione araba americana per i diritti civili negli Stati Uniti[1] . Secondo il sito internet del sito, il gruppo è aperto a tutte le persone di qualsiasi fede religiosa e etnia[2], i suoi membri provengono da tutti i 50 stati americani. Essa rivendica che tre milioni di americani affondano le loro radici in un paese arabo. L'ADC si propone di "rafforzare l'azione civica di tutti gli arabi americani, difendere i diritti civili di tutte le persone, promuovere il patrimonio culturale arabo, promuovere la partecipazione civica, favorire una equilibrata politica americana in Medio Oriente e la libertà di sostegno e lo sviluppo nel mondo arabo. ADC propone anche di combattere la discriminazione e il pregiudizio nei confronti degli arabo-americani, compresi gli stereotipi di arabo=musulmano.[3][4][5]. L'ADC è un membro della Conferenza Leadership per i diritti civili (LCCR) ed ha un seggio in seno al comitato esecutivo[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ADC President Mary Rose Oakar letter to Congressman Rahm Emanuel, November 11, 2008.
  2. ^ ADC Regional office and Chapter List, at ADC web site.
  3. ^ About ADC at ADC web site.
  4. ^ 2008 ADC Board Resolutions at ADC web site.
  5. ^ List of ADC press releases 2002-2006 at ADC web site.
  6. ^ Leadership Conference on Civil Rights web site executive committee listing.
Stati Uniti d'America Portale Stati Uniti d'America: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Stati Uniti d'America