Amedeo Guillet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Lawrence d'Arabia aveva dietro di sé un impero che lo sosteneva e milioni di sterline d'oro con cui comprava la fedeltà. Amedeo Guillet non aveva un becco d'un quattrino, non aveva il sostegno di nessun impero e di nessuna forza politica. »
(Vittorio Dan Segre)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Amedeo Guillet
Amedeo Guillet in una fotografia del 1935
Amedeo Guillet in una fotografia del 1935
7 febbraio 1909 - 16 giugno 2010
Soprannome Comandante Diavolo
Nato a Piacenza
Morto a Roma
Cause della morte morte naturale
Luogo di sepoltura Cimitero di Capua
Dati militari
Paese servito Italia Regno d'Italia
Forza armata Flag of Italy (1860).svg Regio Esercito
Arma Cavalleria
Anni di servizio 1931 - 1946
Grado Rank insignia of generale di brigata of the Italian Army (1940).png Generale di brigata
Guerre Guerra d'Etiopia
Guerra civile spagnola
seconda guerra mondiale
Battaglie Battaglia di Selaclaclà
Battaglia di Santander
Battaglia di Teruel
Battaglia di Agordat
Guerriglia italiana in Africa
Battaglia di Cochen
Battaglia di Teclesan
Decorazioni Valor militare silver medal BAR.svg 5 M.A.V.M.
MeritoMilitare+.png Croce di Guerra al V.M.
MeritoMilitare4.png 4 Croci al M.G.
Altro lavoro Diplomatico

[senza fonte]

voci di militari presenti su Wikipedia

Amedeo Guillet, detto Comandante Diavolo, ma noto anche con lo pseudonimo di Ahmed Abdallah Al Redai (in arabo: احمد عبد الله; Piacenza, 7 febbraio 1909Roma, 16 giugno 2010), è stato un ufficiale, guerrigliero e diplomatico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da una nobile famiglia piemontese e capuana di origine sabauda, era figlio di Alfredo, colonnello dei Reali Carabinieri (RR.CC.), e di Franca Gandolfo. Era imparentato con la nobile famiglia Fanzago[1]. Frequentò l'Accademia militare di Modena, da cui uscì con il grado di sottotenente di Cavalleria del Regio Esercito Italiano nel 1931. Per il servizio di prima nomina venne assegnato al reggimento "Cavalleggeri di Monferrato", dimostrando ben presto spiccate qualità militari e, soprattutto, di cavaliere. Fu tra i primi Ufficiali della cavalleria italiana ad applicare rigorosamente il metodo di equitazione naturale del capitano Federico Caprilli e per le sue innate capacità equestri fu incluso tra i quattro cavalieri che avrebbero costituito la squadra italiana di equitazione per le Olimpiadi di Berlino del 1936.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Campagna d'Abissinia (1935-1936)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerra d'Etiopia.

L'inizio della campagna d'Abissinia impedì al tenente Guillet di giungere a Berlino per i Giochi della XI Olimpiade, che ottenne il trasferimento in Libia presso un reparto di Spahis. Nell'ottobre del 1935 partecipò, come comandante di plotone, alle prime azioni della guerra di Etiopia. Il 24 dicembre dello stesso anno venne ferito gravemente alla mano sinistra durante la battaglia di Selaclaclà. Al termine delle ostilità, il 5 maggio del 1936, venne decorato a Tripoli dal Maresciallo d'Italia Italo Balbo per il suo esemplare e coraggioso comportamento in combattimento.

Sempre a Tripoli, nel marzo del 1937, fu nominato organizzatore e responsabile della parte equestre della cerimonia in cui Mussolini si proclamò "difensore dell'Islam". Il mese successivo sfilò a Roma, in occasione del primo anniversario dell'Impero, alla testa delle unità Spahis. Fidanzato da tempo con la cugina, Beatrice Gandolfo, si rifiutò di sposarla, pur amandola intensamente, per non dare adito ai malevoli di pensare che lo facesse solo per ottenere la promozione al grado di capitano; infatti, erano da poco entrate in vigore alcune rigide normative che prevedevano per i dipendenti pubblici l'obbligo di essere coniugati per poter essere promossi ad incarichi e mansioni superiori.

Guerra civile spagnola[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto del 1937, accettò la proposta del generale Luigi Frusci di seguirlo nella guerra civile spagnola, contro le forze repubblicane, in cui ebbe la possibilità di distinguersi particolarmente nel combattimento di Santander e nella battaglia di Teruel, dove operò prima al comando di un reparto carri della divisione "Fiamme Nere" e poi alla testa di un tabor di cavalleria marocchina. Dopo un breve periodo di convalescenza in Italia, venne trasferito in Libia al comando del VII squadrone Savari, deluso dalla mancata promozione al grado di capitano promessagli dal generale Frusci al rientro dalla guerra di Spagna.

Africa Orientale[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Gruppo Bande Amhara e Campagna dell'Africa Orientale Italiana (1940-1942).
Cartolina rappresentante il gruppo squadroni dell'Amara

Poco prima dell'ingresso dell'Italia nella Seconda guerra mondiale, Guillet venne inviato in Eritrea e nominato Comandante del Gruppo Bande Amhara, primo esempio di unità militare multinazionale, forte di 1700 uomini di origine etiope, eritrea e yemenita inquadrati da Ufficiali italiani. L'unità aveva la consistenza di un reggimento e avrebbe dovuto essere comandata da un Colonnello, mentre lui era solo tenente. Il compito assegnato al Gruppo di Guillet era di operare, in massima autonomia e libertà d'azione, contro il nemico che infestava la regione nord-occidentale dell'Eritrea.

Amedeo Guillet alla guida del Gruppo Bande Amhara nel 1940

Nel 1939, durante un combattimento contro la guerriglia nella regione di Dougur Dubà, il tenente Guillet costrinse il nemico ad uno scontro in campo aperto. Durante una delle cariche, il suo cavallo venne colpito ed ucciso. Immediatamente, Guillet ordinò al suo attendente di dargliene un altro. Quando anche il secondo quadrupede fu colpito, trovandosi appiedato, si mise ai comandi di una mitragliatrice e sparò agli ultimi ribelli rimasti sul campo di battaglia.

Per questa azione, "alto esempio di eroismo e sprezzo del pericolo", gli venne conferita la Medaglia d'argento al Valor Militare dalle autorità italiane. I suoi soldati indigeni, invece, lo soprannominarono Commundàr es Sciaitan (Comandante Diavolo) convinti che godesse di una sorta di immortalità. Ben presto le gesta belliche di Guillet divennero oggetto di discussione negli esclusivi circoli di occidentali di Asmara e Adua, mentre la fama del Comandante Diavolo si diffondeva rapidamente in tutta l'Africa Orientale. In particolare, si fantasticava sullo stile di comando "democratico" (per l'epoca) del giovane tenente, che trattava i soldati indigeni con dignità e rispetto, dando loro massima responsabilità e la possibilità di mantenere e curare i rispettivi usi e costumi. Molti colleghi di Guillet, invidiosi dei suoi risultati sul campo, di gran lunga migliori di quelli ottenuti da reparti regolari di italiani, "malignarono" non poco sul tipo di azione di comando adottata.

Bisogna, invece, ammettere che l'illuminato stile di comando di Guillet diede i suoi frutti: nella sua unità non si verificò mai un caso di diserzione, né di contrasto tra i soldati indigeni, nonostante la loro appartenenza a differenti etnie e fedi religiose. Permise, ad esempio, ai suoi uomini, di portare sempre al seguito i nuclei familiari (come da tradizione locale) ed egli stesso ebbe una concubina eritrea, Kadija (o Khadija), figlia di un importante capo tribù, che lo seguì durante tutto il suo periodo di servizio in Eritrea (in barba alle disposizioni del Governatore italiano volte ad impedire, pena l'incarcerazione, la nascita di "rapporti duraturi" tra soldati italiani e donne del luogo). Anche nei confronti degli avversari catturati e delle popolazioni locali con cui entrava in contatto durante le attività operative tenne sempre un comportamento rispettoso e leale, da gentiluomo d'altri tempi.

Battaglia di Agordat[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi battaglia di Agordat.

La sera del 20 gennaio 1941, il tenente Guillet rientrò al forte di Cheru dopo una lunga ed estenuante attività di pattugliamento del territorio, ma gli venne ordinato di ripartire immediatamente per affrontare gli inglesi della Gazelle Force che minacciavano di accerchiare migliaia di soldati italiani in ritirata verso Agordat. L'improbo compito attribuitogli era di ritardare di almeno 24 ore la manovra dell'avversario, costringendolo a fermarsi nella piana tra Aicotà e Barentù. All'alba del 21 gennaio, dopo una furtiva manovra di aggiramento, il Gruppo di Guillet caricò il nemico alle spalle, creando scompiglio tra i ranghi anglo-indiani. Si trattò di uno spettacolo impressionante e, al contempo, incredibile: Guillet e i suoi uomini attaccarono, armati di sole spade, pistole e bombe a mano, le truppe appiedate e le colonne blindate inglesi.

Dopo essere passato illeso tra le sbalordite truppe avversarie, il Gruppo tornò sulle posizioni iniziali per caricare nuovamente. Questo diede tempo agli inglesi di riorganizzarsi e di sparare ad alzo zero verso i cavalieri di nuovo all'attacco. In particolare, alcune pattuglie blindate inglesi iniziarono a dirigersi verso il fianco e alle spalle dello schieramento di Guillet, minacciando di accerchiare il manipolo di soldati a cavallo. Il tenente Renato Togni, Vicecomandante del Gruppo, effettuò allora una mortale "carica di alleggerimento" con il suo plotone di trenta indigeni, per consentire al grosso del Gruppo di sganciarsi indenne. All'ordine di "Caricat!" il plotone, con il Togni in testa, si gettò su una colonna di carri "Matilda", che aprirono il fuoco falciando mortalmente tutti gli uomini e i cavalli. Quel sacrificio permise, tuttavia, al resto delle truppe di Guillet di sganciarsi conseguendo appieno l'obiettivo: le truppe italiane in ritirata erano al sicuro dentro le fortificazioni di Agordat.

Guillet pagò un alto prezzo per questa battaglia: 800 tra morti e feriti e la perdita del suo grande amico Togni. Fu quella l'ultima carica di cavalleria nella storia militare dell'Africa. L'ufficiale britannico che subì l'assalto in seguito così descrisse l'avvenimento:

« Quando la nostra batteria prese posizione, un gruppo di cavalleria indigena, guidata da un ufficiale su un cavallo bianco, la caricò dal Nord, piombando giù dalle colline. Con coraggio eccezionale questi soldati galopparono fino a trenta metri dai nostri cannoni, sparando di sella e lanciando bombe a mano, mentre i nostri cannoni, voltati a 180 gradi sparavano a zero. Le granate scivolavano sul terreno senza esplodere, mentre alcune squarciavano addirittura il petto dei cavalli. Ma prima che quella carica di pazzi potesse essere fermata, i nostri dovettero ricorrere alle mitragliatrici[2] »

Guillet partecipò, alla testa di quello che rimaneva del suo Gruppo ormai appiedato, anche alle battaglie di Cochen e Teclesan, prima della caduta di Asmara avvenuta il 1º aprile 1941.

La leggenda del Cummandar es Sciaitan[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Guerriglia italiana in Africa Orientale.

Persa Asmara, Guillet capì che l'unico modo per aiutare le truppe italiane operanti sul fronte nord-africano era quello di tenere impegnati quanti più inglesi possibile in Eritrea. Il 3 aprile 1941, Guillet prese la sua decisione: se Roma avesse ordinato la resa, lui avrebbe continuato in proprio la guerra contro gli inglesi in Africa orientale. Spogliatosi dell'uniforme italiana e assunta definitivamente l'identità di Cummandar es Sciaitan (Comandante Diavolo), radunò attorno a sé un centinaio di suoi fedelissimi ex-soldati indigeni (ancora una volta un mélange di etnie e religioni) e iniziò una durissima guerriglia contro le truppe inglesi. La sua leggenda crebbe a dismisura e gli inglesi scatenarono un'imponente "caccia all'uomo", mettendogli alle costole le migliori risorse di intelligence disponibili. Fu fissata una taglia di oltre mille sterline d'oro, ma Guillet non fu mai tradito, neanche dai capi tribù precedentemente in guerra con gli italiani, che, anzi, più volte gli offrirono rifugio e copertura.

La guerriglia dell'ormai capitano Guillet costò cara agli inglesi: per quasi otto mesi egli assaltò e depredò depositi, convogli ferroviari ed avamposti, fece saltare ponti e gallerie rendendo insicura ogni via di comunicazione. Tuttavia, verso la fine di ottobre 1941, i suoi ranghi si erano troppo assottigliati e lo scopo della sua missione non era più realisticamente perseguibile. In particolare, la fortuita cattura del suo cavallo grigio Sandor da parte del Maggiore Max Harari dell'intelligence britannica, responsabile delle attività di ricerca di Guillet, gli fece capire che non avrebbe potuto continuare oltre in quella sorta di guerra privata. Inoltre si ammalò di malaria ed oltre alle ferite di combattimento doveva sopportare anche le crisi di febbre malariche. Radunò quello che restava della sua Banda, ringraziò i suoi fedelissimi promettendo loro che l'Italia avrebbe saputo ricompensarli adeguatamente e si diede alla macchia.

La fuga[modifica | modifica wikitesto]

Si installò alla periferia di Massaua dove assunse la falsa identità di Ahmed Abdallah al Redai, lavoratore di origini yemenite. Si trasformò in un autentico arabo, grazie anche alla perfetta conoscenza della lingua, studiò il corano ed abbracciò la religione musulmana (per sola convenienza di sopravvivenza[senza fonte]: infatti, quando gli inglesi fecero una retata in un suo rifugio e riuscirono a tenerlo sotto tiro, lui continuò a camminare lentamente verso la collina sovrastante il rifugio, e un suo fedelissimo convinse i soldati inglesi che in realtà fosse un musulmano sordo che stava andando a pregare). Al fine di racimolare i soldi necessari per imbarcarsi verso lo Yemen, grazie al contatto con dei contrabbandieri, disimpegnò lavori umili per vivere: fu scaricatore di porto, guardiano notturno e acquaiolo. Seguito dal fido Daifallah, suo ex attendente, tentò una prima volta di attraversare il Mar Rosso su un sambuco di contrabbandieri, ma venne depredato, buttato in mare ed abbandonato nel deserto eritreo.

Dopo essere stato selvaggiamente picchiato da un gruppo di pastori nomadi, fu salvato da un cammelliere che lo ospitò per lungo tempo nella sua capanna e che gli offrì di restare a vivere con lui prendendo per moglie sua figlia. Ma Guillet, desideroso di rientrare in Italia, riuscì a beffare gli inglesi ancora una volta: spacciandosi come parente del cammelliere, si fece rilasciare un lasciapassare per lo Yemen dal Governatore inglese. La traversata fu semplice, ma giunto nel porto di Hodeida, venne arrestato e rinchiuso in prigione perché sospettato di essere una spia al soldo degli inglesi. Quando gli inglesi riuscirono a rintracciarlo chiesero all'imam yemenita di estradarlo, esso si incuriosì e invitò nella sua reggia Amedeo, e dopo aver ascoltato tutte le sue esperienze e avventure provò un tale rispetto e desiderio di onorare il valoroso che lo nominò palafreniere presso la guardia dell'Imam Yahiah, sovrano yemenita; le sue capacità ippiche gli salvarono ancora una volta la vita: L'Imam lo prese a ben volere, lo elevò al rango di "Gran Maniscalco di Corte", gli fu amico sincero e lo nominò precettore dei propri figli. Guillet divenne anche responsabile ed istruttore delle guardie a cavallo yemenite e trascorse più di un anno a corte.

Rientro in Italia[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno del 1943, nonostante le preghiere dell'Imam affinché restasse per sempre a corte, tornò a Massaua e beffò ancora una volta gli inglesi: riuscì ad imbarcarsi su una nave della Croce Rossa Italiana fingendosi un civile italiano divenuto pazzo durante la guerra. Dopo quasi due mesi di navigazione, il capitano Amedeo Guillet giungeva finalmente a Roma il 3 settembre 1943 con una nave della Croce Rossa. Promosso Maggiore per meriti di guerra, domandò denaro, uomini ed armi per tornare nel Corno d'Africa e riprendere la guerra clandestina contro gli Alleati. I tempi, tuttavia, erano cambiati: la conoscenza delle lingue e, soprattutto, l'esperienza acquisita sul campo fecero sì che Guillet fosse assegnato al Servizio Informazioni Militare ed impiegato in missioni ad alto rischio nell'Italia occupata dalle truppe anglo-americane. L'armistizio dell'8 settembre lo colse di sorpresa a Roma.

Attraversò prontamente e rocambolescamente la linea Gustav e giunse a Brindisi, dove si mise a disposizione del Re. Nel settembre del 1944 coronò finalmente il suo sogno d'amore sposando a Napoli l'amata Beatrice Gandolfo, dalla quale ebbe due figli, Paolo Maria nato a Roma il 25 luglio 1945 e Alfredo nato a Roma il 18 gennaio 1948[1]. Continuò ad operare nel Servizio Informazioni del ricostituito Esercito Italiano per poi svolgere, dal 25 aprile 1945, l'incarico di agente segreto. Fu proprio in tale veste che riuscì a recuperare la corona imperiale del Negus d'Etiopia, sottraendola furtivamente alla Brigata partigiana "Garibaldi" che, a sua volta, l'aveva confiscata alla Repubblica di Salò. La corona fu poi restituita al Negus e rappresentò il primo tangibile segnale di riappacificazione tra Italia ed Etiopia.

Secondo dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine delle ostilità, dopo la sconfitta della monarchia e la vittoria della Repubblica nel Referendum del 1946, Guillet fedele al proprio giuramento di militare verso la Corona dei Savoia, rassegnò le proprie dimissioni dall'Esercito Italiano. Presentandosi al Re Umberto II e manifestandogli la sua intenzione di abbandonare il Paese, fu tuttavia bonariamente redarguito perché il Re gli ricordò che prima della Casa Reale veniva l'Italia e la sua indipendenza. Il Re Umberto II in quell'occasione gli disse: "Noi passiamo, l'Italia resta".

Carriera diplomatica[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Scienze Politiche, Amedeo Guillet partecipò e vinse il concorso pubblico per la carriera diplomatica nel 1947, rifiutando per spirito di correttezza i trattamenti di favore offertigli[3]. Nel 1950 venne destinato, come Segretario di legazione, all'ambasciata italiana del Cairo con l'ambasciatore Prunas. Nel 1954 fu nominato incaricato d'affari nello Yemen (dove il figlio del vecchio Imam lo accolse calorosamente dicendogli: «Ahmed Abdallah finalmente sei tornato a casa!»). Nel 1962, nominato ambasciatore, fu ad Amman, dove il re Hussein di Giordania era solito cavalcare insieme a lui e tributargli l'appellativo di "zio", nella cultura araba espressione di massima deferenza e, al contempo, di familiarità. Umberto II di Savoia con RR.LL.PP. il 14 ottobre 1964 concesse a Giuseppe Guillet il titolo di barone trasmissibile anche al fratello Amedeo e ai loro figli maschi primogeniti[1].

Nel 1967 divenne ambasciatore in Marocco. Durante un ricevimento ufficiale, coinvolto in una sparatoria causata da un tentativo di colpo di stato, riuscì, con la sua esperienza militare, a mettere in salvo alcuni rappresentanti diplomatici che erano rimasti sotto il fuoco. La Repubblica Federale di Germania gli concesse, per il salvataggio del proprio ambasciatore, la Gran Croce con stella e striscia dell'Ordine al Merito della Repubblica. Nel 1971, fu inviato come ambasciatore d'Italia in India, entrando ben presto nel ristrettissimo entourage dei confidenti del primo ministro Indira Gandhi. Con il collocamento a riposo per limiti d'età, nel 1975 concluse la sua carriera diplomatica.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000, al seguito dello scrittore Sebastian O'Kelly, si era recato in Eritrea nei luoghi che lo avevano visto giovane tenente alla testa delle Gruppo Bande Amhara, venendo ricevuto all'Asmara dal presidente eritreo Isaias Afewerki con gli onori riservati ai capi di stato. Tornato a trovare il cammeliere che lo ospitò cinquant'anni prima, questi non lo riconobbe, ma gli raccontò la storia di due moribondi che aveva curato e ospitato, mandati da Allah, e che un giorno sarebbero tornati per ricostruirgli il suo pozzo. Amedeo, non svelando la sua identità, prima di partire pagò un gruppo di manovali per ricostruire il pozzo al vecchio cammelliere.[4] (Il fatto è vero ma non avvenne in quell'occasione (2000), bensì quando Amedeo era in servizio in Eritrea alla fine degli anni cinquanta) Il 20 giugno 2000, gli è stata conferita la cittadinanza onoraria dalla città di Capua che egli ha definito «altamente ambita».

Il 2 novembre 2000, il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha conferito ad Amedeo Guillet la Gran Croce dell'Ordine Militare d'Italia, massima onorificenza militare italiana. In occasione del compimento del suo centesimo compleanno nel 2009, sia Mediaset sia la Rai gli hanno dedicato un servizio durante il telegiornale. Il comandante Diavolo si è spento a Roma il 16 giugno 2010, alla veneranda età di 101 anni.[5]. Il 26 giugno 2010 è stato officiato il rito funebre nel Duomo di Capua, dall'Arcivescovo Bruno Schettino, con la presenza delle "Guide" di Salerno, in qualità di picchetto d'onore. Le sue ceneri riposano nella tomba di famiglia al fianco della moglie Bice ed ai suoi avi trasferitisi, dopo l'annessione della Savoia alla Francia, nella città di Capua.[6] È stato inserito nella lista dei 150 più illustri funzionari dello Stato[7]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Nella risposta a un lettore dedicata all'avventurosa esistenza di Amedeo Guillet, il celebre giornalista Indro Montanelli scrisse: «Se, invece dell'Italia, Guillet avesse avuto alle spalle l'impero inglese, sarebbe diventato un secondo Lawrence. È invece soltanto un Generale, sia pure decorato di medaglia d'oro, che ora vive in Irlanda, perché lì può continuare ad allevare cavalli e (a quasi novant'anni) montarli. Quando cade e si rompe qualche altro osso (non ne ha più uno sano), mi telefona...»[8].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze italiane[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine militare d'Italia
«Combattente della Seconda Guerra Mondiale, già più volte decorato per il coraggio e l’abnegazione dimostrati in numerose azioni belliche, si distingueva in maniera particolare per la straordinaria capacità organizzativa, l’eccezionale ardimento e l’altissimo valore quale Comandante di formazioni irregolari in Africa Orientale. Nel periodo successivo alla guerra, per circa 40 anni, ha continuato a servire la Repubblica esprimendo eccelse doti di ideatore e di organizzatore, fino ad assumere elevate responsabilità istituzionali, sempre dimostrando profondo amore per la Patria. Luminoso esempio di cittadino e di soldato, fedele servitore dello Stato e benemerito della Nazione, da additare alle attuali e future generazioni»
— 2 novembre 2000[9]
Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Ambasciatore»
— 2 giugno 1975[9]
Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine militare di Savoia
«Generale di Brigata»
— 8 marzo 1944[9]
Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine della Corona d'Italia
Cavaliere dell'Ordine Coloniale della Stella d'Italia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Coloniale della Stella d'Italia
n. 5 Medaglie d'Argento al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria n. 5 Medaglie d'Argento al Valor Militare
Medaglia di Bronzo al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di Bronzo al Valor Militare
Croce di Guerra con Gladio al Valor Militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Guerra con Gladio al Valor Militare
Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa orientale (ruoli combattenti) - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia commemorativa delle operazioni militari in Africa orientale (ruoli combattenti)
n. 4 Croci di Guerra al Merito - nastrino per uniforme ordinaria n. 4 Croci di Guerra al Merito
immagine del nastrino non ancora presente Cittadino onorario Città di Capua
— 20 giugno 2000

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Cruz Blanca al Valor Militare (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cruz Blanca al Valor Militare (Spagna)
— 1937
Cruz Roja al Valor Militare (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cruz Roja al Valor Militare (Spagna)
— 1938
Cruz por la Unidad Nacional Española (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Cruz por la Unidad Nacional Española (Spagna)
— 1938
Medalla de Sufrimientos por la Patria (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Medalla de Sufrimientos por la Patria (Spagna)
— 1938
Grande Ufficiale dell'Ordine del Nilo (Egitto) - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale dell'Ordine del Nilo (Egitto)
— 1954
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Gregorio Magno (Città del Vaticano) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine di San Gregorio Magno (Città del Vaticano)
— 1964
Gran Croce al Merito con placca e cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito con placca e cordone dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca (Repubblica Federale Tedesca)
— 1968
Gran Croce dell'Ordine di Ouissam Alaouite (Marocco) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Ouissam Alaouite (Marocco)
— 1971

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Andrea Borella "Annuario della Nobiltà Italiana" Edizione XXXI Teglio (SO) 2010 S.A.G.I. Casa Editrice vol. 3 pag. 229-230
  2. ^ Arrigo Petacco, Faccetta nera, Edizioni Mondadori (Le scie) 2003 pag.218
  3. ^ Mario Mongelli, "Amedeo Guillet, gentiluomo italiano senza tempo"
  4. ^ Amedeo Guillet - La leggenda del comandante diavolo - Una puntata di Elisabetta Castana, sul sito Lastoriasiamonoi.rai.it; Amedeo Guillet, "La storia siamo noi".
  5. ^ La Stampa: Addio al Lawrence d'Arabia italiano, Amedeo Guillet
  6. ^ In memoria di Amedeo Guillet
  7. ^ Presidenza del Consiglio dei Ministri - Ministero per la Pubblica Amministrazione e per l'Innovazione
  8. ^ Amedeo Guillet, come la Primula Rossa, La stanza di Montanelli, 16 febbraio 1997. URL consultato il 07-02-2009.
  9. ^ a b c Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Sebastian O'Kelly, AMEDEO - Vita, avventure e amori di Amedeo Guillet, un eroe italiano in Africa Orientale, Rizzoli, 2002. ISBN 8817870293.
  • Vittorio Dan Segre, La guerra privata del tenente Guillet, Corbaccio Editore, 1993. ISBN 8879720260.
  • Sabrina De Canio, da Angelo Umiltà "Gli Italiani in Africa", T&M Associati Editore 2004. ISBN 8890122056

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]